F1 Bahrain, Qualifiche: tempi e classifica finale

Valtteri Bottas (©Getty Images)

Tutto è pronto per le attesissime qualifiche del Bahrain, che rispetto alle prove libere presentano qualche grado in meno.

Q1 – Si parte!! Wehrlein, Stroll ed Ericsson i primi a scendere in pista. Tutti con le supersoft. Per Hamilton, Raikkonen e Bottas le più conservative soft.

Quando mancano 11′ Valtteri in testa con la Mercedes con il crono di 1’31″041. Problemi al DRS per Esteban Ocon. Agli 8′ al termine Hamilton al top con 1’30″814. Un po’ di fumo alle gomme di Grosjean!

A 2′ dal primo stop entrambe le McLaren in bilico. Raikkonen in azione con le supersoft per migliorare il 7° crono ed infatti risale in terza piazza.

Bandiera a scacchi! Hamilton, Verstappen e Raikkonen, i primi 3. Eliminati: Carlos Sainz (Toro Rosso), bloccato da un calo di potenza, Stoffel Vandoorne (McLaren), Sergio Perez (Force India), Marcus Ericsson (Sauber), e Kevin Magnussen (Haas).

Un pezzo del monkey seat di Raikkonen vola via per le forti vibrazioni sui cordoli…

Q2 – Si riparte! Subito dentro le Mercedes, entrambe su rosse e la Toro Rosso di Kvyat. Poi via via tutti gli altri. Ed è 1’29″535 per Ham. A 5′ dalla fine Fernando Alonso si toglie il casco. Per lui nessun crono a causa di un guasto ad uno dei due motori elettrici.

Bandiera a scacchi! Lewis Hamilton, Valtteri Bottas, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Eliminati: Daniil Kvyat (Toro Rosso), autore di un errore, Lance Stroll (Williams), Pascal Wehrlein (Sauber), Esteban Ocon (Force India) e Fernando Alonso (McLaren).



Q3
– Scattata la lotta per la pole! Ricciardo il primo a farsi largo. Tutti i migliori sono in pista. Al pit solo le Renault e la Haas di Grosjean. Tre millesimi separano Raikkonen, quarto, da Verstappen. A 6′ dalla chiusura guida Ham, davanti a Bottas e Vettel. Iceman lamenta sottosterzo via radio.
Grosjean in attività. Dentro anche Hulkenberg e Palmer per il gran finale.
Bandiera a scacchi!! Sorpresa Valtteri Bottas, è sua la pole position con 1’28″769, poi Hamilton, Vettel, Ricciardo e Raikkonen.

Chiara Rainis