Piero Taramasso: “Dopo i test solo Rossi e Iannone volevano la nuova mescola”

Piero Taramasso, Valentino Rossi e Andrea Iannone (©Getty Images)

Per Valentino Rossi è stato un inverno decisamente duro. Con l’uscita di scena di Jorge Lorenzo, passato alla Ducati, infatti, il Dottore si è trovato a fronteggiare un nuovo giovane e rampante spagnolo, quel Maverick Vinales che tanto bene aveva fatto in Suzuki l’anno prima. Per il 46 è cominciata così la sagra dei problemi, Rossi, infatti, ha sempre lamentato problemi con la sua nuova M1, soprattutto in ingresso di curva. In particolare sotto la lente di ingrandimento è finita l’anteriore portata da Michelin, secondo Rossi eccessivamente morbida.

Fortunatamente Valentino Rossi è riuscito ad agguantare già 2 podi in questo primo scorcio di stagione, ma i problemi permangono. In particolare la vigilia del Gran Premio d’Argentina è stata mossa da polemiche riguardanti proprio il nuovo pneumatico. La Safety Commission ha, infatti, bocciato la nuova mescola prima ancora di vederla in pista. Alla riunione non ha preso parte il Dottore, impegnato in un briefing tecnico.

La nuova gomma, un mistero senza fine

Ora però, come riportato da “Motorsport.com” arrivano le prime dichiarazioni da parte di Michelin sulla famosa gomma. A parlare è Piero Taramasso: “Noi vogliamo rendere i piloti felici. Dopo i testi invernali solo Valentino Rossi e Iannone si erano lamentati che volevano una carcassa più rigida. Essendo solo due piloti abbiamo preferito non intervenire”.

A quanto pare però qualcosa è cambiato dopo il Qatar: “Dopo la prima gara altri sei piloti sono venuti a muoverci le medesime lamentele dando di fatto ragione a Valentino. In tutto quindi sono diventati 8 piloti, driver di Yamaha, Aprilia, Suzuki e Honda. Vogliamo percorrere la strada giusta per lo sviluppo senza aver bisogno di tornare indietro. Non ci interessa su che tipo di gomma dobbiamo andare”. Insomma in casa Michelin sembrano avere le idee chiare, anche se non è ancora chiaro cosa sia accaduto per far bocciare una gomma voluta a quanto pare da tutti.

Antonio Russo