Andretti: “Alonso vittorioso alla 500 Miglia? Può essere”

Michael Andretti (©Getty Images)

L’annuncio della partecipazione di Fernando Alonso alla prossima 500 Miglia di Indianapolis ha colto di sorpresa un po’ tutto l’ambiente motoristico.

Ma se più di qualcuno ha storto il naso alla notizia, considerato che lo spagnolo non ha mai girato su un ovale, secondo il patron della scuderia con cui sarà impegnato, ossia Michael Andretti, la mancanza di conoscenza del tracciato non rappresenterà un handicap.

“L’inesperienza sugli super speedway non mi preoccupa. Anzi credo proprio che il circuito dell’Indiana sia uno dei migliori per il debutto avendo a disposizione molto tempo per provare. E come ha dimostrato nel 2016 Alexander Rossi, anche un rookie può aggiudicarsi la vittoria”. Ha dichiarato a Motorsport.com il fondatore dell’Andretti Autosport. “Tra l’altro schierando sei piloti avremo un flusso di informazioni non indifferente”.

Del medesimo avviso anche il boss McLaren Zak Brown, convinto che il suo ragazzo saprà ben figurare negli Stati Uniti. “Sarebbe stupido sbilanciarsi in un pronostico, tuttavia mi attendo un buon piazzamento da parte di Fernando (che ricordiamo sarà costretto a saltare il Gp di Montecarlo) . Diciamola così. Il team che l’ha ingaggiato è il vincitore dello scorso anno e lui è il migliore al mondo. Come abbinamento mi sembra già promettente. Per il resto sono felice di essere riuscito subito nell’impresa di portare la scuderia di Woking a questa corsa. Michael è un amico di vecchia data. Un uomo che rispetto molto e che gestisce una squadra al top del business. Ha il successo nel sangue, per cui sono felice che il debutto statunitense di Alonso avvenga proprio con lui”.

Presente a 16 edizioni della 500 Miglia Andretti non è mai riuscito ad aggiudicarsela. Diversamente in qualità di boss per lui sarà la caccia al quinto centro.

Nel frattempo si è fatto sentire pure Rossi, che sarà quindi compagno di avventura del driver di Oviedo, con un messaggio di benvenuto pubblicato sul proprio account Twitter.

Chiara Rainis