MotoGP Argentina, Valentino Rossi: “Vinales perfetto, ma attaccherò”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi non smette più di stupire. Dopo i tempi negativi di prove libere e warm-up, con una qualifica da 7° tempo sul bagnato, oggi sull’asciutto in gara è giunto 2°. Il Gran Premio d’Argentina 2017 di MotoGP ha rappresentato la sua 350 gara nel Motomondiale ed è andata benissimo.

A Termas de Rio Hondo il nove volte campione del mondo è riuscito nuovamente a salire sul podio, facendo un balzo in avanti rispetto al Qatar, dove giunse terzo. Ottima partenza quella del Dottore in questo campionato, visto che si trova al secondo posto in classifica. A comandare c’è il suo compagno Maverick Vinales, vincitore sia a Losail che in Argentina. Lo spagnolo in casa Yamaha sta vincendo il confronto, ma Rossi sta dando il massimo ed è distante solo 13 punti.

MotoGP Argentina 2017: parla Valentino Rossi

Valentino Rossi al termine della gara è intervenuto ai microfoni di Sky Sport MotoGP per commentare il suo positivo risultato. Queste le sue parole nello spiegare quanto avvenuto: “Non ho fatto magie. Noi lavoriamo così. Sembra che con questa moto dobbiamo sempre soffrire nelle prove. Poi io sono uno che ci arriva step by step. Abbiamo fatto un grande lavoro. Come posizione sembravo più lontano rispetto al Qatar, ma in realtà come passo ero già abbastanza costante”.

Il pilota numero 46 della Yamaha ha proseguito così la sua analisi sul Gran Premio d’Argentina 2016 di MotoGP: “E’ stata una gran gara, più bella del Qatar visto che sono stato competitivo dall’inizio alla fine. Mi sono sentito meglio sulla moto. Inoltre ho battuto Crutchlow, che andava molto forte e sapevo che sarebbe stato il mio avversario per salire sul podio. Poi Marquez è caduto e quindi ci siamo giocati il secondo posto”.

Valentino ha spiegato qual è la situazione e perché ha difficoltà in prova, venendo però poi allo scoperto in gara:“E’ una questione di messa a punto e di guida. A me piace cercare di capire di cosa ho bisogno dalla moto per la gara e cercare di fare le linee giuste, quindi magari ci metto un po’ di più. Qui ero più vicino, nelle prove non bisogna farsi ingannare, perché tanti fanno qualche giro veloce. Però noi ci concentriamo sempre più sul passo. Abbiamo fatto un bel lavoro sulla moto. In Qatar ho faticato di più, qui ero veloce fino alla fine”.

Sembrava che a Losail si fosse trovata la chiave per svoltare ed essere veloci subito in Argentina, invece così non è stato. Rossi in merito dice: “La base del Qatar è stata una buona base, però qui c’erano cose da sistemare. Speravo di arrivare ed essere nei primi 5-6 in prova, invece sono finito sedicesimo. Se dobbiamo scegliere un giorno in cui essere veloci, la domenica è il migliore (ride, ndr)”.

Infine il nove volte campione del mondo ha risposto sulla possibilità di riuscire a poter attaccare Maverick Vinales per vincere: “Lui ha fatto una pre-stagione perfetta e in queste gare è stato perfetto. Anche oggi è stato il più veloce, però ci proviamo”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)