F1 Cina, Qualifiche: tempi e classifica finale

Lewis Hamilton (©Getty Images)

Davanti a delle tribune colme di tifosi Ferrari si sono disputate le qualifiche del GP di Cina. A segnare la pole è stato Lewis Hamilton su Mercedes.

Q1 – Stroll, Ericsson e Giovinazzi i primi a scendere in pista. Tutti con gomme super soft. Dopo 4 minuti è Hulkenberg su Renault ha prendere il comando.

Per Giovinazzi un incontro ravvicinato con un uccellino.

Brivido invece per Romain Grosjean, che ha quasi baciato il muro del rettilineo principale dopo una foratura.

Quando mancano circa 7 minuti Max Verstappen lamenta un probabile problema al motore. Subito arriva la chiamata della FIA per la prova peso.
Alonso via radio “Sto attaccando come una bestia!”. Lo spagnolo della McLaren è nono. In testa c’è Vettel, che ha segnato il tempo con le soft, seguito da Hamilton e Raikkonen. A 1 minuto e 30 dal termine Verstappen ancora in difficoltà.
Colpo di scena! Alla bandiera a scacchi Giovinazzi va contro le barriere quasi sul traguardo. Il suo crono è buono per la fase successiva ma la Sauber è distrutta.

Gli eliminati: Vandoorne su McLaren, Grosjean su Haas, Palmer su Renault, Verstappen su Red Bull e Ocon su Force India.

Q2
– Per rimuovere la C36 e i detriti si parte con 5′ di ritardo. Intanto la FIA investiga su Palmer e Grosjean per non aver rallentato a sufficienza sotto bandiere gialle.
Si parte! Subito in azione la Williams di Stroll, seguito da Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Entrambi su supersoft

1’32″391 Vettel firma il miglior crono assoluto del weekend finora. Hamilton però segue ad appena 15 centesimi. Quando mancano 7 minuti Alonso si lamenta: “Non riesco a caricare la batteria”.

A 4 minuti dalla fine Hamilton già fuori dall’abitacolo. Stessa scelta per Bottas. Bandiera a scacchi: E’ record per Raikkonen con 1’32″181, quindi Vettel ed Hamilton. Ottimo sesto Hulkenberg. Gli eliminati: Sainz su Toro Rosso, Magnussen su Haas, Alonso su McLaren, e le Sauber di Ericsson e Giovinazzi. Fuori per incidente.

Q3 Bandiera verde, pronti alla caccia alla pole! Hamilton subito aggressivo.

Per il pilota Mercedes uno strepitoso 1’31″901, poi Vettel e Bottas. Raikkonen si lamenta per lo scarso grip “Avete cambio assetto?”. Il suo messaggio via radio.
Hulkenberg chiude la sua sessione. E’ sesto provvisorio con la Renault. Un grande risultato per il team di Enstone.
A 3′ dal termine scoppia la bagarre! Lewis Hamilton firma la sesta pole consecutiva con il crono di 1’31″678. Secondo Sebastian Vettel, quindi Valtteri  Bottas. Quarto Kimi Raikkonen.

Chiara Rainis