Valentino Rossi fa 350: “Orgoglioso, ma contano podi e vittorie”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi arriva al Gran Premio d’Argentina forte del terzo posto sorprendente conquistato in Qatar. Se a Losail ha faticato per poter poi arrivare sul podio, anche a Termas de Rio Hondo non sarà semplice.

C’è curiosità di vedere se il nove volte campione del mondo incontrerà le difficoltà già viste nelle prove della gara di apertura o se questa volta già dalle prove libere si dimostrerà competitivo. E’ un’incognita, ma domani nei primi turni ci faremo un’idea. Poi si sa, il Dottore è soprattutto un pilota da gara e dunque il suo meglio dobbiamo aspettarcelo sempre alla domenica. In Qatar abbiamo avuto una dimostrazione tra le tante della sua meravigliosa carriera nel Motomondiale.

MotoGP Argentina: Valentino Rossi in conferenza stampa

In conferenza stampa a Valentino Rossi viene ricordato che quella in Argentina sarà la 350^ gara da quando corre nel Motomondiale. In merito lui risponde così: “Tante gare, tante volte ci sono stato. Sono orgoglioso di questo. I numeri delle gare però non sono così importanti, lo sono la qualità delle gare, il numero delle vittorie e dei podi. In Qatar siamo riusciti a migliorare molto il feeling sulla moto e infatti la gara è stata una sorpresa per noi, cominciare sul podio è sempre importante e non ero neanche tanto lontano dai primi due”.

Il nove volte campione del mondo in passato è andato bene a Termas de Rio Hondo. L’anno scorso è arrivato secondo, dopo il patatrac Ducati, e nel 2015 aveva vinto  battendo in duello Marc Marquez (poi caduto). Il tracciato gli piace, ma c’è l’incognita del clima e delle condizioni del tracciato: “Mi piace questa pista, il layout è interessante ed è divertente girare qui. Dal 2014 ho fatto sempre buone gare qui. Però abbiamo bisogno di capire quali sono le condizioni della pista. L’anno scorso la pista era sporca, abbiamo avuto un clima cattivo e dunque speriamo che le condizioni siano migliori stavolta”.

A Rossi viene domandato pure del livello della MotoGP che è aumentato e che impone di migliorare per stare davanti. Valentino fissa pure l’obiettivo in ottica qualifica: “Ci sono circa dieci piloti che possono lottare per il podio e stare davanti, già nelle libere. E’ importante, lo abbiamo visto anche in Qatar. Qui cercheremo di stare almeno in top 5 nelle Qualifiche”.