Losail, impianto di drenaggio e nuovo asfalto nel 2018

Circuito di Losail (©Getty Images)

Pioggia nel deserto? Sembra il colmo ma è la realtà. Gli effetti del clima impazzito si riversano sui circuiti del Motomondiale creando non pochi grattacapi. Nella prima gara in Qatar l’asfalto di Losail non ha retto regolarmente agli acquazzoni del week-end. Si dovrà procedere con i lavori di ricostruzione per non farsi trovare impreparati alla prossima occasione. Ma non è l’unico circuito che necessita di lavori.

Il maltempo aveva già ostacolato i test di Moto2 e Moto3 in Qatar, tanto che alcune sessioni erano state cancellate dalla pioggia. Il sabato di gara ha annullato le qualifiche per tutte le classi, costringendo a disegnare la griglia in base ai tempi delle prove libere. Il problema non sono solo i millimetri di pioggia, ma soprattutto l’assenza drenaggio del tracciato di Doha, nonostante sia obbligatorio per tutti i circuiti.

Lavori in corso in Qatar

E’ bastato un’ora di temporale nella notte tra venerdì e sabato per mettere KO l’asfalto, la pioggia di sabato pomeriggio ha fatto il resto. Tanto che il circuito di 5,5 km è stato presto maculato da pozzanghere e macchie di umidità che hanno reso impossibile Q1 e Q2. “Entro il prossimo Gran Premio dovrà essere realizzato un impianto di drenaggio sul circuito di Losail”, ha fatto sapere Carmelo Ezpeleta a Speedweek.com. “Inoltre l’asfalto attuale risale al 2004 e deve essere completamente rivisto”.

Lavori urgenti e necessari se si considera che la gara in Qatar è un appuntamento tradizionalmente in notturna. Un altro tema su cui Dorna dovrà presto ritornare. Entro il 2018 è prevista una vera prova sul bagnato. “La mia idea è irrigare la pista nell’ultimo giorno di test del prossimo anno. Bisogna solo considerare se farlo all’ultima ora della terza sera o per un lasso di tempo più lungo”. E se coinvolgere anche i piloti delle classi inferiori.

Teoricamente in Qatar non piove mai a lungo, ma solo per brevi e forti acquazzoni. La luce del sole e le temperature elevate dovrebbero asciugare tranquillamente la pista in vista degli appuntamenti serali. D’altronde non è mai da escludersi l’uscita d’emergenza: si può correre tranquillamente di giorno, anche sul bagnato.