Yamaha, Lin Jarvis: “Grande atmosfera ai box”

Lin Jarvis
Lin Jarvis (©Getty Images)

Lin Jarvis, Managing Director Yamaha, è entusiasta dopo l’esordio vincente di Maverick Vinales. Non poteva esserci esordio migliore per il pilota di Figueres chiamato a sostituire il pluricampione Lorenzo. Non si tratta solo di una vittoria, ma di una nuova atmosfera ai box che permette di lavorare meglio, senza la “guerra fredda” tra Jorge e Valentino.

La diatriba ai box Yamaha era ricominciata dopo i fatti di Sepang del 2015, tanto da lasciare ferite aperte e non più ricucibili. L’offerta Ducati è stata manna dal cielo per il maiorchino, la risoluzione dei problemi per il team capeggiato da Lin Jarvis. Non solo per aver ritrovato armonia nei rapporti umani, ma anche per aver trovato il “genio della lampada” Maverick Vinales.

“Siamo fortunati perché non è stato così in passato. Negli ultimi due anni nonostante l’attrito tra i piloti i ragazzi della squadra sono sempre stati uniti – ha sottolineato il boss Movistar Yamaha a MCN -. Questa è una cultura che siamo stati in grado di nutrire nel corso degli anni, abbiamo avuto un sacco di attrito da affrontare, ma abbiamo fatto in modo di non ereditare i loro problemi”.

Addio di Lorenzo fortuna Yamaha?

Con il passaggio di Jorge alla Ducati non si può nascondere una certa serenità tra piloti e tecnici. Tutto sembra filare via liscio, la M1 sembra finora la moto più equilibrata e Maverick ha le carte in regola per poter ambire al Mondiale 2017 di MotoGP. “Siamo in grado di operare come una squadra e lavorare insieme, questo è quello che stiamo vedendo ora. Naturalmente, l’atmosfera è ancora più leggero ora, perché non abbiamo il bagaglio di polemiche del passato. Abbiamo un rookie che non ha mai avuto problemi con nessuno e lui è un ragazzo super, quindi fin qui tutto bene”.

In Qatar Vinales non è stata certo l’unica gioia per la Yamaha. Il podio di Valentino Rossi a Losail equivale ad una quasi vittoria. “Valentino ha raggiunto la terza posizione, che dimostra in realtà ancora una volta come è e chi è, perché era molto difficile qui per lui. È stato molto difficile finire terzo in Qatar e partire decimo in griglia, prendere Marquez e gli altri piloti. Che dire… Sono molto colpito e molto felice di iniziare la stagione con un primo e un terzo posto”.

Luigi Ciamburro