MotoGP, la Suzuki potrebbe schierare solo una moto in Argentina

Suzuki MotoGP (©Getty Images)

La MotoGP è partita davvero col botto, con una lotta serrata tra la Ducati di Andrea Dovizioso e la Yamaha di Maverick Vinales, con lo spagnolo che ha avuto la meglio sull’italiano. Per larghi tratti della gara però tra i protagonisti c’è stato anche Andrea Iannone con la sua Suzuki. L’ex Ducati, infatti, è stato con i primi della classe finché non è incappato in una caduta. Discreta gara anche per il compagno di squadra, Alex Rins, esordiente in MotoGP, che si è piazzato al 9° posto davanti ad un campione del mondo come Jorge Lorenzo.

La MotoGP dopo la partenza sprint, in vista del prossimo Gran Premio d’Argentina potrebbe perdere uno dei suoi protagonisti. Alex Rins, infatti, è in forte dubbio per la tappa sudamericana. Durante un allenamento in motocross, infatti, è caduto procurandosi un infortunio al piede destro. Il fattaccio si è consumato giovedì in una pista vicino Barcellona.

Lunedì arriverà il definitivo responso

L’infortunio non sembra essere grave, ma dopo i primi accertamenti all’ospedale Universitario Dexeus è stato riscontrata una frattura al tallone destro. Per ora non sono in programma operazioni. Il ragazzo verrà sottoposto a nuovi controlli lunedì e a quel punto si saprà se potrà fare parte o meno della carovana di MotoGP per il Gran Premio d’Argentina.

Questa è davvero una brutta tegola per un ragazzo che ha dimostrato sin dai test di avere un’ottima facoltà di apprendimento. Rins, infatti, dopo ottimi risultati sia in Moto3, che in Moto2 è approdato nella classe regina del Motomondiale, dove dopo alcune difficoltà iniziali di adattamento ha dimostrato già nel primo Gran Premio della stagione di poter battagliare tranquillamente con colleghi più navigati.

La Suzuki per ora non ha ancora rilasciato dichiarazioni ufficiali e si attende con moderato ottimismo lunedì. In caso di responso negativo, Andrea Iannone potrebbe ritrovarsi da solo in Argentina.

Antonio Russo