Antonio Giovinazzi… il sogno continua! Correrà anche a Shanghai

Antonio Giovinazzi
Antonio Giovinazzi (©Getty Images)

Il sogno di Antonio Giovinazzi e dei tifosi italiani continua. Il pilota pugliese sarà in pista anche nel GP di Shanghai del 9 aprile per sostituire Pascal Wehrlein alla guida della Sauber. Il giovane tedesco ancora non ha smaltito l’infortunio rimediato durante l’inverno alla Race of Champions.

Dopo il debutto a Melbourne coronato da un buon 12esimo posto, Antonio Giovinazzi ha un’altra ghiotta possibilità per dimostrare tutto il suo valore. Ma stavolta sarà diverso, perchè avrà modo di scendere in pista per un week-end intero, comprese prove libere e qualifiche. In Australia si è ritrovato quasi catapultato in pista, saltando le prove del venerdì, senza la possibilità di riuscire a prendere un buon feeling con il circuito a lui sconosciuto. Inoltre ha dormito poco per via del fuso orario e non ha avuto modo di allenarsi nei giorni precedenti.

Giovinazzi-Ferrari, insieme nel 2018?

In Cina sarà tutta un’altra musica. Antonio Giovinazzi è tornato nella sua cara Puglia. Da qui ad una settimana avrà il tempo di preparare il suo secondo Gran Premio, lavorare al simulatore e prendere confidenza con il tracciato sin dal venerdì. La migliore occasione per dimostrare quanto vale e se merita davvero un posto sulla Ferrari per il dopo Raikkonen. Salvo improvvisi colpi di scena e l’improbabile ritorno di Pascal Wehrlein, che non sembra ancora pronto fisicamente per affrontare le nuove monoposto. Secondo il team principal Monisha Kaltenborn, durante la convalescenza non è riuscito ad allenarsi a dovere per la guida più “energetica”.

Per il 23enne terzo pilota Ferrari non sarà certo l’ultima occasione per vederlo all’opera. Infatti parteciperà ai giorni di test riservati ai rookie al volante della Ferrari SF70H. Il regolamento prevede che ogni rookie non dovrà partecipare a più di due GP. Quindi nel caso dovesse presentarsi una terza possibilità con la Sauber la Casa di Maranello dovrà fare bene i conti. Sono in tanti a sognare Antonio Giovinazzi sulla Rossa nel 2018, quindi i test sulla monoposto italiana sembrerebbero imprescindibili.

Luigi Ciamburro