Lewis Hamilton: “Voglio girare un film autobiografico”

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (©Getty Images)

Incassata la beffa del secondo posto a Melbourne, Lewis Hamilton non frena la sua smania di apparire ed ergersi a “personaggio” della Formula 1. Durante un programma radiofonico ha espresso il desiderio di voler girare un film sulla sua vita. L’attore principale? Lewis in persona.

Solo qualche mese fa aveva annunciato di stare scrivendo un libro autobiografico. “Dovrete comprare il mio libro per sapere esattamente cos’è successo quest’anno”. Era la vigilia dell’ultimo GP di Abu Dhabi, riferendosi alla disputa con Nico Rosberg per il titolo mondiale. “Lo sto scrivendo. Uscirà tra una decina d’anni. Però sarà una lettura molto interessante”. Ma un libro non può bastare per spiegare un atleta estroverso come Hamilton. In programma c’è una versione cinematografica della sua vita.

Nessun attore famoso, nessuna controparte. L’attore protagonista sarà Lewis Hamilton in persona. “So già come il film dovrebbe essere”, ha detto nel programma radiofonico su Nova Confidential. “Vorrei interpretare me stesso. Non ho visto alcun attore che mi assomiglia o che vorrei recitasse al posto mio”. Ma la trama sembra già delinearsi… “La mia storia inizia dalla mia povertà. Sono probabilmente l’ultimo di una razza in estinzione, perché ogni altro pilota è cresciuto nella prosperità”.

Un punto di partenza dal basso che più volte è stato motivo di vanto, soprattutto quando si trattava di lanciare frecciate al suo ex compagno e rivale Nico Rosberg. “C’è la storia di famiglia, da dove veniamo, cosa abbiamo fatto, le difficoltà che hanno dovuto affrontare, i disagi che ho incontrato lungo il tragitto”. Il film non dovrebbe avere un timbro prettamente sportivo, ma essere dedicato alle persone di tutto il mondo, non solo per i tifosi di F1. Un film che sia in grado di unire le famiglie, coltivare i sogni e raggiungerli. Il copione non è stato ancora scritto, ma sarà lui stesso un giorno a farlo. Adesso l’obiettivo è conquistare il quarto titolo mondiale.

Luigi Ciamburro