Mick Schumacher: “Il mio idolo è papà”

Mick Schumacher (©Getty Images)

Mick Schumacher passo dopo passo sta cercando di raggiungere la Formula 1. Naturalmente il cognome è di quelli pesanti, che ti segnano e ti spingono continuamente a dover dimostrare di essere il migliore e di non essere lì solo grazie a papà Michael. Naturalmente il percorso è molto tortuoso, Mick manco a dirlo punta a svestire i panni del figlio d’arte per abbracciare i quelli del campione.

Come riportato da “N-tv”, Mick Schumacher ha parlato dei suoi idoli: “Il mio modello è papà, semplicemente perché lui è il migliore, è il mio idolo”. Il ragazzo in passato era sempre stato bene attento a non fare menzione del padre in alcun commento onde evitare di attirare su di sé ancora più pressione di quella che già c’è.

Schumacher diviso tra Ferrari e Mercedes

Quando si parla di obiettivi futuri poi, Mick Schumacher è molto chiaro: “Voglio diventare campione del mondo di Formula 1, credo che non sia un desiderio insolito per un giovane pilota”. Il giovane tedesco ha gli occhi addosso sia di Ferrari che di Mercedes, ma lui sembra ancora non aver deciso nulla per il suo futuro: “Non so cosa ci riserverà il futuro, poi vedremo”.

C’è spazio anche per una digressione sulle differenze tra Formula 3 e 4: “Non c’è grande differenza. In Formula 4 le monoposto sono molto veloci. In Formula 3 però in curva le velocità sono ancora più elevate ed è per questo che guadagniamo quei 10-12 secondi nel confronto tra le due serie”.

Quando si parla, invece, dei suoi punti di forza, a sentir parlare Mick Schumacher sembra molto simile al padre Michael: “Mi diverto molto a duellare nel corpo a corpo e credo di riuscire ad avere una buona panoramica della gara. Sto cercando di accumulare sempre più fiducia nella vettura così da portarla al limite. Io voglio crescere, imparare e entrare tra i top driver del mondo”.

Antonio Russo