Valentino Rossi e il tarlo della gomma anteriore morbida

Valentino Rossi nei box in Qatar (Getty Images)

Il gap di oltre un secondo tra Valentino Rossi e Maverick Vinales non può essere una reale differenza di prestazioni ed età. Dietro si cela un problema tecnico sulla Yamaha M1 del Dottore e si chiama gomma anteriore morbida Michelin. “Lui frena dopo e accelera prima di me”, aveva commentato sarcasticamente il campione di Tavullia quando gli è stato chiesto il motivo del “vuoto” cronologico dal compagno di team.

“Siamo ancora molto lontani e non molto veloci”, ha ammesso Valentino in più occasioni. Il suo equipaggio sta faticando a trovare la soluzione del problema, ma viste le prestazioni di Maverick dovrebbe essere solo questione di tempo. “Soffro di più a causa della mancanza di grip e dell’umidità. In ogni caso, abbiamo cercato di fare un bel po ‘di cambiamenti, perché dobbiamo cercare di migliorare sempre l’ingresso in curva”.

Rebus Michelin nel box VR46

E’ qui che la nuova gomma morbida Michelin con carcassa più dura causa problemi alla YZR-M1 #46. Troppo movimento e instabilità in curva e poco grip. “Ho sempre sofferto un po’ con le nuove gomme anteriori perché hanno un involucro che è un po’ più morbido – ha spiegato Valentino Rossi -. Non è molto facile, perché noi abbiamo cercato una soluzione diversa nel corso di questo inverno, ma il problema del pneumatico resta. Abbiamo bisogno di trovare il modo per migliorare il feeling con l’anteriore”.

A rendere più difficile la situazione in Qatar sono le condizioni di pista, la presenza di sabbia sull’asfalto che diminuisce l’aderenza. “Speriamo che abbiamo il problema qui e forse in altre tracce meno. In ogni caso dobbiamo trovare una soluzione, questo è sicuro”. Finora a lamentarsi della nuova gomma anteriore sono soprattutto lui e Iannone. Ma Nicolas Goubert, responsabile Michelin Motorsport, rivela che il nuovo anteriore è nato proprio in seguito alle richieste Yamaha dell’anno scorso, durante i test privati a Sepang. Oltre al danno la beffa. La soluzione adesso dovranno trovarla i tecnici di Valentino Rossi.

L.C.