Fernando Alonso: “Non è solo colpa di Honda”

Fernando Alonso (©Getty Images)

Fernando Alonso non è certo entusiasta di questa sua seconda esperienza McLaren, lo spagnolo, infatti, nei test pre-campionato è riuscito a girare davvero molto poco ed è stato vittima di diversi problemi meccanici. Indiziato principale di questa caduta negli inferi della casa britannica è infatti il propulsore Honda, non all’altezza, almeno per ora, dei top team di Formula 1. Nonostante i tanti problemi però incredibilmente lo spagnolo si è piazzato al 12° posto, una gran risultato rispetto alle aspettative della vigilia.

Fernando Alonso però non sembra ancora positivo: “I risultati del venerdì lasciano il tempo che trovano. Abbiamo avuto nuovi problemi, ma anche i nostri avversari. Se tutti corrono senza problematiche allora sarà molto diverso. Credo che riusciremo a capire quanto valiamo davvero solo il sabato e poi naturalmente in gara. In ogni caso sono soddisfatto perché è stato un giorno produttivo”.

Il pilota asturiano non è né negativo né positivo su questo weekend di gara, ma è consapevole che secondo gli addetti ai lavori la monoposto che guida non è molto considerata, anche se poi afferma: “Se lavoriamo sui nostri punti deboli, possiamo smentire tutti. Non è solo colpa di Honda, abbiamo anche altri problemi, qui in Australia va meglio”.

L’obiettivo per Fernando Alonso però è sempre lo stesso di ogni campione: “Vogliamo arrivare sul podio, e lottare per il titolo, è normale. Il fatto che lottiamo con Renault e Force India ci mostra quanto siamo lontani da questo obiettivo. Le cose comunque stanno migliorando. In ogni caso c’è da lavorare, a volte guadagno sui miei avversari in curva 50 metri, ma poi ne perdo 200 sul dritto”.

In ogni caso Fernando Alonso sembra sofferente, un pilota come lui che è abituato a lottare per il mondiale è da troppi anni lontano dal vertice e non è da escludere che a fine anno lascia la McLaren, magari per approdare alla Mercedes per ricostituire il dream team che scoppiò alla McLaren nel 2007.

Antonio Russo