MotoGP, Maverick Vinales: “Devo arrivare al livello di Marquez”

Maverick Vinales
Maverick Vinales (©Getty Images)

Maverick Vinales è da molti indicato come il favorito vincitore del campionato MotoGP 2017. I suoi test sono stati impressionanti. E’ risultato essere sempre il migliore praticamente e dunque è normale puntare su di lui.

Lo spagnolo ha trovato da subito un grande feeling con la Yamaha. La moto sembrava essergli stata cucita addosso anche al primo test, quello di Valencia. Un colpo di fulmine tra lui e la M1. Probabilmente il fatto di provenire da una Suzuki non radicalmente diversa dal suo attuale mezzo lo ha un po’ facilitato nell’adattamento. Non è stato un cambio shock come quello di Jorge Lorenzo, passato in Ducati. Però bisogna dare merito al 22enne di Figueres per quanto fatto nella pre-season. Anche se, come ha detto Marc Marquez, adesso contano le gare.

MotoGP Qatar: Maverick Vinales in conferenza stampa

Maverick Vinales in Qatar è stato protagonista della prima conferenza stampa del campionato MotoGP 2017. Ovviamente è contento dei test, però sa di non aver fatto ancora nulla. Il bello viene adesso. Queste le sue parole: “Ovviamente si trattava solo della sessione invernale, però mi sento forte. Abbiamo trovato un buon set-up e siamo stati competitivi su ogni pista. Il lavoro svolto finora dobbiamo portarlo nel resto della stagione per essere ancora competitivi. Sono contento, mi trovo bene nel team e miglioriamo costantemente la moto”.

Il pilota spagnolo è entusiasta della situazione interna al box Yamaha, visto che è velocissimo e tutti lo elogiano. Come accennavamo in precedenza, non ha avuto un impatto shock sulla M1 visto che la Suzuki GSX-RR non era profondamente diversa seppur possedesse sicuramente delle diversità: “Come stile di guida sono abbastanza simili, ma cambiano dei particolari fondamentali. Non ho dovuto cambiare il mio stile”.

Infine a Vinales è stato chiesto cosa avesse pensato quando ha visto Marc Marquez arrivare in MotoGP e vincere subito il titolo: “Ho detto wow, è arrivato e ha vinto. La sua prima stagione è stata incredibile, è andato subito forte. Ha gestito la pressione al meglio. Devo cercare di essere forte, veloce e di cercare di arrivare almeno al suo livello”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)