Toto Wolff vittima di un incidente domestico: “Porterà fortuna a Hamilton”

Toto Wolff (©Getty Images)

Non tutto il male vien per nuocere. Potremmo riassumere così il Toto Wolff pensiero a proposito di un particolare incidente domestico capitatogli di recente.

Secondo quanto dichiarato dallo stesso dirigente Mercedes allo Stuttgarter Zeitung, mentre era impegnato a giocare a tennis con la figlia 12enne (avuta dalla prima moglie) si è danneggiato un disco lombare.

“Dovevamo eseguire un esercizio sprint. Mandare la pallina dall’altro lato il più velocemente possibile. Il coach ci disse che 22 secondi poteva essere un buon tempo. Così diedi tutto convinto di essere il più rapido. Ed invece al quinto lancio mi sono girato e ho sentito il fuoco. Era un disco!”. Il racconto quasi comico dell’austriaco non nuovo a simili episodi. Essendosi rotto un braccio cadendo dalla bicicletta nel 2014 e infortunato un ginocchio in palestra nel 2015.

“Ad ogni mondo la prendo come un buon segno per Hamilton. Di solito quando mi faccio male, vince!”. Ha sentenziato.

Quindi giusto per rimanere in tema Lewis il boss viennese è tornato sull’intenso rapporto con l’ex compagno di squadra Rosberg.

“Al principio la vedevo come un’opportunità perché si spingevano l’un l’altro in termini di performance. In seguito però, la rivalità è diventata talmente accesa da risultare negativa per il team”. Ha spiegato. “Infatti al posto di preoccuparci delle prestazioni della monoposto, stavamo lì a discutere su come dirimere le controversie”.

“Con l’arrivo di Valtteri Bottas in squadra mi aspetto un po’ più di calma. Anche se non mi faccio illusioni. Dovessero trovarsi a lottare tra di loro potrebbe diventare difficile”. Ha aggiunto svelando i motivi della scelta del finnico cresciuto alla Williams. “Pascal Wehrlein aveva le carte in regola, ma con Lewis sarebbe diventata una miscela esplosiva. Già in passato con Fernando Alonso avevamo avuto problemi di quel genere”.

Infine sul 2018 e su un probabile arrivo a Stoccarda di Vettel Toto Wolff è apparso più aperto rispetto a Niki Lauda. “Mi trovo bene con Sebastian e credo potrebbe essere un buon asset per la scuderia. Tuttavia, al momento, mi pare sia piuttosto fedele alla Ferrari. Tanto che quando cercavamo un nome per sostituire Nico, ci ha soltanto detto “E’ sorprendente”. Sarebbe comunque falso negare un nostro interessamento per il futuro”.

Chiara Rainis