F1, Toto Wolff: “Nuove regole sono anti-Mercedes”

Toto Wolff
Toto Wolff (©Getty Images)

Venerdì la Formula 1 torna in pista per il primo round stagionale. La Mercedes è chiamata a riaffermarsi dopo tre titoli mondiali consecutivi, ma il boss Toto Wolff sa bene che ripetersi non sarà facile. Ferrari ha mostrato di aver fatto un bel passo avanti in quanto a prestazioni e affidabilità, Red Bull sembra non aver ancora mostrato tutto il potenziale.

Difficile fare previsioni in base ai test invernali, ma non è escluso che l’era Mercedes sia sulla strada del tramonto. “Non è facile reinventarsi ogni anno e rimanere il punto di riferimento. Sarebbe sbagliato credere che una situazione di vantaggio duri per sempre. Perciò è normale che rivali come Ferrari e Red Bull diventino più ostici”, ha preannunciato Toto Wolff a ‘La Gazzetta dello Sport’. D’altronde un altro campionato monopolizzato da una sola scuderia rischierebbe di mettere in crisi questo sport noioso da troppi anni.

Perdere Nico Rosberg può essere una grave perdita o un’opportunità. Saranno i risultati della pista a dare il responso. Anche l’addio di un campione può essere la causa della fine di un’epoca. Anche se il team di Stoccarda può contare su un fuoriclasse come Hamilton e una giovane promessa del calibro di Bottas. “Ogni cambiamento è un rischio e un’opportunità. Nico era un fattore importante nel team. Perderlo, con una decisione del tutto a sorpresa, è stato critico. Soprattutto perché a dicembre la maggior parte degli altri piloti era già sotto contratto”.

Con il nuovo regolamento studiato per ridurre il gap dalle Frecce d’Argento la scuderia guidata da Toto Wolff sembra non sentirsi più al sicuro. “Queste regole sono state studiate per impedire che la Mercedes continuasse a vincere. Gli altri team ci hanno accusato di non volere il cambiamento e allora li abbiamo lasciati fare. E’ il modo in cui funziona la F.1, tutti seguono i propri interessi”.