Una Honda futuristica protagonista del film “Ghost in Shell”

Honda (©Ghost in Shell Official)

Le auto da corsa e le moto aggressive sono da sempre fonte di ispirazione per i registi di tutto il mondo. E Rupert Sanders non fa eccezione. Il suo “Ghost in Shell” in uscita nelle sale il prossimo 31 marzo vedrà come protagonista non in carne e ossa una futuristica Honda basata sul modello NM4. Compagna indispensabile per la vera attrice principale Scarlett Johansson.

Intanto di cosa si tratta. La pellicola si rifà all’opera di fantascienza creata da Mamoru Oshii e trasposta per la prima volta al cinema nel 1989 da Masamune Shirow . E’ essenzialmente un media franchise che mischia manga, anime, film, videogame e romanzo.  In sintesi immagina un mondo in cui reale e virtuale si mescolano e convivono. Gli uomini non sono più tali, ma vengono creati in laboratorio da altri essere umani che li usano a loro piacimento.

Per quanto riguarda la trama, questa si snoda in  un’ipotetica cittadina nipponica 2.0 e ruota attorno ad un’unità antiterrorismo cibernetico. Denominata Section 9. Continuamente attaccata da pericolosi nemici che la vogliono distruggere. Al vertice di questa organizzazione in costante pericolo c’è Il Maggiore Motoko Kusanagi. Una donna robot. Impersonata dall’attrice sbocciata con “L’Uomo che Sussurrava ai cavalli”.

Come detto un ruolo importante lo riveste la moto. Disegnata ad hoc dalla Honda. Totalmente in carbon look e dotata di un certo fascino, la belva su due ruote presenta grossi fari a LED, compreso il logo del brand illuminato, e un cupolino squadrato sui generis.

Per chi si trovasse in Giappone in questi giorni avrà l’opportunità di ammirarla in alcuni show che verranno organizzati per le vie di Osaka e Tokyo.