Maverick Vinales a tutto gas: “Nessun pilota mi spaventa”

Maverick Vinales (©Getty Images)

Non basta essere campione d’inverno per scuotere il Motomondiale. Maverick Vinales vuole trovare subito la prima vittoria in sella alla Yamaha M1, la seconda della sua carriera. Serve il gradino più alto del podio per guardare lontano e puntare al titolo mondiale di MotoGP.

Nei test pre-campionato ha saputo dimostrare di essere perfetto sul giro secco. ‘Best lap’ a Valencia, a Sepang, a Phillip Island e Losail. Ha impressionato per la sua fulminea capacità di adattarsi alla nuova moto dopo l’addio alla Suzuki. La YZR-M1 sembra essergli stata cucita addosso, una sintonia osmotica che ricorda la prima stagione di Marquez da rookie. Forse anche meglio.

Sin dai tempi della Suzuki ha messo in chiaro di voler ambire al titolo, con Suzuki o un altro team. Cinico in pista, umile dinanzi ai giornalisti, con le idee chiare nella vita. “Per me è molto importante sapere che posso arrivare primo, mi rende più calmo e concentrato”,  ha detto Maverick Vinales  in un’intervista con il bookmaker Sportium. “Vado forte, abbiamo fatto un grande lavoro fisico durante l’inverno per arrivare ben preparati al Mondiale”.

L’ambiente Yamaha giova al fenomeno di Figueres e i primi risultati parlano chiaro. “Si respira fame di vittoria e si respira ambizione. C’è una lunga strada da percorrere, ma finora tutto sta andando come previsto. Il precampionato è stato positivo, sono stato costante su ogni circuito”. Il Motomondiale è materia diversa dai test, serve costanza e attitudine ai duelli corpo a corpo. “Ci sono molte gare e ci saranno giorni buoni e meno buoni, ma ho sempre voglia di vincere. E’ una sensazione incredibile”.

Dovrà condividere per i prossimi due anni il box con Valentino Rossi. L’atmosfera è socievole e serena, ma potrebbe bastare poco per far scatenare un incendio. “Il rapporto con Rossi è buono, ma ognuno fa il proprio lavoro… Il rapporto non va oltre, c’è grande rispetto. Siamo compagni di squadra ed entrambi dobbiamo dare il cento per cento. Il mio punto di riferimento è sempre stato Rossi . E’ incredibile il suo carisma”. In pista dovrà vedersela soprattutto con il campione in carica. “Devo allenarmi al massimo in curva per sconfiggere Marquez”. Ma Vinales assicura: “Nessun pilota mi spaventa in pista”.

L.C.