F1, Brawn crea gruppo di esperti per migliorare i sorpassi

Ross Brawn
Ross Brawn (©Getty Images)

Ross Brawn è il direttore generale di Liberty Media, la nuova proprietaria della F1, e sta studiano come migliorare lo spettacolo del campionato. L’intento è di avvicinare i tifosi a questo sport e per farlo è necessario migliorare il prodotto offerto.

In questi anni la Formula1 ha avuto un seguito discreto, però il potenziale per fare meglio è enorme. Tra regole non sempre chiare e condivisibili, poca lotta in pista e scarso contatto con gli appassionati il marchio motoristico tra i più prestigiosi al mondo non è stato sfruttato a dovere. I nuovi proprietari della F1 hanno il dovere di cambiare le cose in meglio. L’era di Bernie Ecclestone è conclusa e adesso tocca ai nuovi dimostrare di saperci fare.

Ross Brawn cambia i sorpassi in F1?

Uno degli aspetti su cui Liberty Media vuole intervenire riguarda i sorpassi in pista. A tal proposito, Ross Brawn ha rivelato di voler creare un gruppo di esperti per studiare come migliorare. Ai microfoni di Motorsport ha spiegato: “Avremo alcuni esperti, persone riconosciute nella categoria, che lavoreranno all’interno della FOM. Non sarà un grande gruppo, ci saranno cinque o sei persone, ma con la mia esperienza e la conoscenza ci sarà la sufficiente capacità per creare un argomento ragionevole su quello che vogliamo fare e una base da cui partire”.

Brawn ha già avuto alcuni incontri con delle figure della F1 e Liberty Media nelle scorse settimane. In questa, invece, Liberty Media ha avuto un summit con i team per informarli dei propri piani futuri. Le squadre sono riluttanti rispetto a ogni ipotesi che possa in qualche modo danneggiare i loro interessi. Ma Brawn ha spiegato che la priorità assoluta è migliorare lo spettacolo. Dunque serve trovare dei compromessi che soddisfino tutte le esigenze.

Tornando al discorso dei sorpassi, l’aumento del carico aerodinamico sulle monoposto 2017 ha fatto sorgere dubbi sul fatto che ne vedremo più che in passato. Sarà invece più complicato stare vicino e sorpassare la vettura che sta davanti. In merito, il direttore generale di Libery Media ha spiegato: “E ‘un problema complesso. Non vogliamo le auto siano lente e vogliono mantenere i loro livelli di grip, ma vogliamo che non si danneggi la macchina che sta indietro. Quindi c’è una soluzione? Se mettiamo le persone giuste per pensarci e diamo loro un anno o un anno e mezzo per trovare una soluzione, possiamo progettare automobili in grado di poter stare dietro le altre?”.

Nella F1 moderna le monoposto non riescono a stare troppo tempo dietro a quella davanti. C’è surriscaldamento e si rovinano anche le gomme. Un tempo era più facile che ci fossero duelli ravvicinati per diversi giri, ora lo scenario è differente. Brawn punta a fare in modo che la situazione cambi e propone di adottare la tecnologia CFD: “Essa ora offre nuove opportunità. Si può creare una vettura che abbia un buon livello di grip e che crei una scia che non danneggi chi è dietro”. Cosa ne penseranno i team di questa possibile soluzione? Ci saranno sicuramente tante discussioni. Servirà un accordo tra tutte le parti. Ovviamente non sarà semplice.