La Tailandia punta ad ospitare la MotoGP dal 2018

SBK Tailandia (© Getty Images)

Lo scorso weekend il circuito di Buriram ha ospitato per la terza volta nella sua storia un round della Superbike. Ma probabilmente sarà dal 2018 che la Tailandia vedrà avverare il proprio sogno. Quello di vedere in scena la MotoGP. Categoria molto amata dai giovani e con un seguito già ampio. Senza dimenticare l’importanza ricoperta dalle due ruote nel Paese. Mezzo di trasporto preferito. Basti pensare che qui la Ducati ha firmato il suo record di vendite.

Al momento in trattativa con la Dorna e il boss Carmelo Ezpeleta il responsabile del tracciato Tanaisiri Chanvitayarom si è dichiarato ottimista.

“La MotoGP è nei nostri piani da diverso tempo. Ed è anche il motivo per cui abbiamo costruito l’impianto in maniera da ricevere l’omologazione per ogni serie”. Ha confidato a Speed Week. “Tuttavia per riuscire nell’intento dovremo fare affidamento sul governo. Al momento il Ministero dello Sport ci ha dato l’ok, ma manca il nullaosta dello Stato. Che assieme alla città dovrà intervenire per coprire parte delle spese. Le tasse infatti sono molto elevate e gli sponsor da soli non potrebbero farcela”.

“Un’opportunità del genere sarebbe davvero importante per noi. Sia dal punto di vista del turismo, sia dell’economia”. Ha proseguito nella riflessione. “Ora sono tante le persone che desiderano acquistare una moto. Per capirci. Negli ultimi cinque anni sono state vendute il 300% in più Superbike. Inoltre i piloti hanno un grosso seguito. Valentino Rossi e Marc Marquez in primis. E addirittura sono stati creati diversi fan club”.

“Solo nell’ultimo fine settimana abbiamo accolto sulle tribune 40.000 persone. E ogni manifestazione motoristica riscuote successo. Penso ad esempio alla SuperGT. Oggi, tutti in Tailandia conoscono auto come la Toyota Supra o la Nissan GT-R”. Ha aggiunto.

Infine parlando della politica dei biglietti Tanaisiri Chanvitayarom ha rivelato che si presterà attenzione a non creare squilibri nei prezzi.

“Non tutte le persone hanno uno stipendio tale da potersi eventualmente recare ad entrambi gli eventi delle due ruote. Per questo stiamo studiando una soluzione. Tra le proposte ci sarebbe quella di fare una sorta di cumulativo. Se compri un biglietto per entrambe le serie hai uno sconto del 50%. Finora abbiamo sempre venduto i ticket a 40 euro per la tribuna principale e 8 euro per le altre. Di certo la spesa per la MotoGp non potrà essere superiore al 15% rispetto alla SBK”.