Danilo Petrucci, un ritmo gara da vertice

Danilo Petrucci (©Getty Images)

Gli occhi di molti addetti ai lavori in questi ultimi test erano puntati su Danilo Petrucci, l’alfiere del Team Ducati Pramac, infatti, siede su una Desmosedici GP17, la stessa guidata anche da Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso. L’italiano purtroppo alla fine della terza giornate di prove però si è piazzato 18° ad oltre 1 secondo dal leader Maverick Vinales. I dati però, mai come in questo caso, potrebbero fuorviare da un giudizio obiettivo.

Come riportato da “Paddock-GP.com”, Danilo Petrucci, in merito ai test in Qatar ha così dichiarato: “Queste prove sono state molto complicate, ho provato tante cose e la preoccupazione era di passare tanto tempo in pista. Naturalmente come risultato c’è stato che ho trovato difficoltà a trovare il ritmo”.

Danilo Petrucci: “Ho lasciato Losail con una bella sensazione”

“Per quanto riguarda la simulazione di gara è andata molto bene. Questo mi ha dato grande fiducia e ho capito di essere molto efficiente con le nuove gomme. Il giro secco non conta molto in gara. Ho lasciato Losail con una bella sensazione e quando ritornerò voglio concentrarmi sulla prestazione”. Danilo Petrucci, infatti, se da un lato non ha stampato proprio un tempone, dall’altro sul passo gara non è stato molto distante dal leader Vinales.

Lo stesso Jorge Lorenzo ha notato la cosa: “Le gomme morbide sono buone, ma penso che possiamo essere competitivi anche con le dure. Petrucci ha fatto una buona simulazione di gara con le gomme dure e questo significa che la moto può girare forte anche con quei pneumatici”.

Insomma Danilo Petrucci può tornare a casa con la consapevolezza di aver fatto un buon lavoro in Qatar. Certo la caduta durante le prove lo ha penalizzato per quanto riguarda il giro secco, ma sul ritmo gara le sue prestazioni sono state davvero eccellenti.

Antonio Russo