MotoGP, Vinales: “Rossi 2°? Possiamo confrontare i dati”

Maverick Vinales
Maverick Vinales (©Getty Images)

Puntuale come un orologio arriva il miglior crono di giornata di Maverick Vinales. Nel secondo giorno di test MotoGP in Qatar il neo pilota Movistar Yamaha balza davanti a tutti. Ma stavolta è seguito a breve distanza dal compagno di squadra Valentino Rossi, ritornato alla ribalta dopo un inverno sottotono.

Maverick squilla, risuona il campanello d’allarme. Fate largo, arriva Vinales! Per l’ennesima volta si riconferma in corsa per il titolo mondiale, per la gioia della casa di Iwata che non poteva trovar miglior rimpiazzo dopo l’addio di Jorge Lorenzo. “E’ bello sentirsi veloce. Anche nel ritmo di gara abbiano progredito. La squadra fa un buon lavoro, mi sento a mio agio sulla moto. Domenica farò un long run per vedere il comportamento delle gomme. In questo momento abbiamo un buon livello di grip. Ma non siamo ancora soddisfatti al 100 per cento. Potremmo andare più veloce nelle curve… sento che posso spingere di più in entrata di curva”.

5 pretendenti al titolo

Solo questione di tempo, poi il lavoro dei tecnici Yamaha e la maggior confidenza con la YRZ-M1 limeranno ulteriori decimi sul giro. Bisogna proseguire lo sviluppo senza esaltarsi troppo dei primati prestagionali, ma i risultati arriveranno molto presto. “Al momento non proviamo una nuova aerodinamica. Abbiamo una buona velocità di punta, sono diventato migliore nel settore 4. Ma non si deve sopravvalutare questi primati. Un weekend di gara è un weekend di gara. Ma sono fiducioso perché la moto ha funzionato abbastanza bene”.

Stavolta alle spalle si ritrova il veterano Valentino Rossi, tornato ai vertici dopo un inverno tutto in salita. “Valentino ha provato un sacco di cose, è difficile essere veloci quando si prova tanto in pista. Valentino è sempre veloce – ha ricordato Vinales -. Bisogna ricordarsi che lui in gara è sempre davanti”. Il Mondiale 2017 di MotoGP non sarà una sfida a due… “Ci sono molti piloti che possono vincere. Jorge, Dovizioso, Dani, Marc, Valentino ed io. Naturalmente, si deve fare i conti con Marc in ogni gara. Ma credo che abbiamo in questa stagione almeno cinque contendenti al titolo”.