SBK, Chaz Davies: “Rea troppo veloce, lontani dal top”

Chaz Davies
Chaz Davies (©Getty Images)

Nulla sembra possibile contro la Kawasaki di Jonathan Rea. Le Ducati sono costrette a inseguire il britannico anche nella seconda tappa in Thailandia, un tracciato poco favorevole alla Panigale R di Chaz Davies e Marco Melandri. Il pilota ceco ha chiuso sul secondo gradino, il ravennate ai piedi del podio. Anche questa stagione sarà una difficile battaglia tra Ducati e Kawasaki, con rea che resta il grande favorito.

“E’ stata una buona gara fino a metà, poi ho sofferto le difficoltà al freno anteriore – ha spiegato Marco Melandri -. Non riuscivo a frenare in tutte le curve allo stesso modo, la leva si muoveva molto da una curva all’altra. Ad un certo punto ho fatto un giro molto lento perchè mi è mancata una frenata. Alla fine quando Tom era dietro di me sapevo che era difficile contrastarlo, perchè l’ultima frenata per me è la più critica e mi ha passato. E’ stata una buona gara perchè abbiamo raccolto tutto il massimo possibile, adesso cercheremo di migliorare per domani”.

A tenere alti i colori di Borgo Panigale ci pensa Chaz Davies, diretto inseguitore della Kawasaki iridata (-15 in classifica). Pensare che un anno fa il pilota Ducati ha perso al primo turno al Chang Internazionale Circuito con un gap di 17 secondi sul vincitore, ora ci sono solo 6,3 secondi. Ma Davies non è per niente soddisfatto. “Dopo un paio di giri Johnny era troppo veloce per me”, ha detto a Speedweek.com-. Il feedback dalla moto era abbastanza buono, tuttavia la Thailandia resta una pista difficile per la Panigale . Non credo che troveremo qualcosa di sensazionale per la seconda manche. Gli ultimi due anni sono stati più difficili qui. Per me ci si sente come se fossi troppo vicino al limite”.

Difficile attendersi miracoli in Gara-2 con l’esito che sembra quasi scontato in favore di Jonathan Rea. Partirà dalla nona posizione il campione in carica, con Melandri dalla pole position. Una regola salva-spettacolo che potrebbe rendere più scenografica la sfida. ma l’impressione è che non possa bastare per fermare il treno in corsa della Kawasaki. Chaz Davies non fa mistero: “Siamo troppo lontani dal top”.