MotoGP, comincia la riasfaltatura del Sachsenring

photo Facebook @SachsenringCircuit

Venerdì scorso sono iniziati i lavori di asfaltatura del Sachsenring in vista del GP di Germania del 2 luglio 2017. Il manto presentava delle crepe pericolose, considerando che l’ultima pavimentata era stata eseguita dieci anni fa. I lavori sono iniziati dal lungo rettilineo di 700 metri e copriranno una superficie complessiva di 50.000 metri quadrati in due turni.

Il Sachsenring si rinnova non solo per l’asfalto. I cordoli saranno rinnovati e adattati in modo parziale, idem per i canali di drenaggio, le vie di fuga in ghiaia e il prato. Saranno allestite ulteriori protezioni e barriere, prevista la ristrutturazione degli impianti del Centro Medico, della sala stampa, delle recinzioni e altre opere infrastrutturali. Il tracciato tedesco ospiterà il Motomondiale fino al 2021. Questo ha reso possibile un investimento di 3,8 milioni di euro da parte di enti pubblici e privati. I lavori di asfaltatura termineranno entro il 30 aprile.

Il nuovo tracciato tedesco è ubicato a una decina di km dalla città di Chemnitz. Ha ospitato il suo primo Gran Premio nel 1998. Da allora sono stati compiuti continui miglioramenti, tra cui il radicale cambiamento nel disegno del tracciato effettuato nel 2001. Le sue numerose e strette curve (10 a sinistra e 3 a destra) rendono questo circuito uno dei più lenti del calendario. Ma questa caratteristica non evita che le gare siano sempre serrate e spettacolari.