MotoGP, pantaloncini banditi dal Motomondiale, sono indecorosi

MotoGP (©Getty Images)

L’avvio della MotoGP 2017 è alle porte, la data di inizio è fissata per il 26 marzo in Qatar. Nella lotta per il titolo il più accreditato sembra essere Maverick Vinales, che dopo la grande stagione in Suzuki è approdato in Yamaha e ha finalmente una moto da vertice. Naturalmente molto quotato anche il campione in carica Marc Marquez. Leggermente indietro, invece, la leggenda Valentino Rossi, capace però sempre di qualche colpo ad effetto.

Molto più indietro, invece, Jorge Lorenzo, che dopo l’approdo in Ducati sembra ancora lontano parente di quello apprezzato in Yamaha. Lo spagnolo ancora deve prendere le misure alla moto di Borgo Panigale e sembra soffrirla molto. Ma la MotoGP vuole soprattutto rinnovarsi e avvicinarsi in quanto a stile e soprattutto ricchezza alla cugina Formula 1.

Per prima cosa si vorrebbe rendere il paddock più raffinato. Proprio per questo quindi si vorrebbe vietare ai meccanici di indossare pantaloncini durante le uscite per così dire “pubbliche”. La questione è già stata sollevata nelle riunioni della Gran Prix Commission.

MotoGP, caschi protettivi per chi entra in contatto con le moto

In realtà alcuni team in MotoGP, vedi Yamaha, avevano già deciso di adottare tale provvedimento per i propri meccanici. Questa questione però ha creato un certo mormorio all’interno del paddock. In alcune gare, infatti, tipo quella in Malesia, le temperature superano i 35° sulla griglia di partenza.

I pantaloncini corti quindi in queste occasioni diventano una vera e propria esigenza per alcuni meccanici che si trovano ad affrontare temperature altissime. La regola per ora è ancora in discussione. A prescindere da ciò però dal 2017 ci sarà l’obbligo per tutti i membri delle squadre che entreranno in diretto contatto con le moto durante le gare di indossare dei caschi protettivi per evitare possibili incidenti.

Antonio Russo