Sam Lowes: “Voglio essere come Vinales, Rossi stupirà”

Sam Lowes (©Getty Images)

Aprilia si presenta ai nastri di partenza di questa MotoGP 2017 con un Sam Lowes in più. Il britannico ha 27 anni ed è arrivato un po’ tardi nella classe regina del Motomondiale. Nel 2014 era approdato direttamente in Moto2 e in 3 stagioni ha raccolto un 13°, un 4° e un 5° posto nella classifica generale, vincendo 3 gare e ottenendo 11 podi e 8 pole position. Sul suo curriculum anche un titolo di campione del mondo Supersport.

Come riportato da “Crash.net” ora per Sam Lowes è tempo di pensare alla MotoGP: “Mi trovo sempre meglio con questa moto, onestamente non vedo l’ora di arrivare in Qatar. In Australia avevamo un buon passo, la Moto2 è diversa, ma sono sempre stato veloce. Mi sento strano, sono così rilassato, guardando gli altri debuttanti ho preso fiducia, vedendo quanto veloce vanno. Abbiamo dovuto lavorare tanto”.

“Non è facile entrare in MotoGP. Avrei voluto essere più veloce nei test, ma così non è stato, nonostante tutto credo che se ci fosse stata una gara in Australia non sarebbe andata così male. Da qualche parte bisogna pure cominciare. Il potenziale della moto è molto alto, ma non è facile da comprendere immediatamente”.

“Stanno lavorando tutti molti, non vedo l’ora di provare la nuova moto in Qatar. Ho provato tante nuove cose e ho impostato la direzione. C’è stata una grande differenza tra i primi giorni di test e quelli successivi. Dovevo prendere confidenza con la nuova moto. Abbiamo anche avuto dei piccoli problemi e questo ha portato a non farmi girare come volevo nei test”.

Sam Lowes: “Voglio lavorare molto con Espargaro”

Sam Lowes parla anche dai suoi gusti in fatto di piste: “Non vedo l’ora di arrivare in Qatar, mi piace molto lì, sono andato bene in passato in Moto2. Anche l’Australia mi piace, ma lì in Moto2 nel 2016 ho fatto un disastro. Naturalmente per Espargaro è diverso, lui ha più esperienza e quindi certe cose gli riescono meglio e più in fretta”.

“In Aprilia mi stanno aspettando senza mettermi addosso eccessiva pressione. Proprio per questo durante i test ho utilizzato una moto del 2016. Ho parlato con Espargaro e gli ho chiesto di fare lavorare di squadra per migliorare la moto. Ho anche capito che i test sono una cosa e le gare un’altra. Folger è quinto nei test, ma non credo sarà lì in gara oppure prendiamo ad esempio Rossi, che magari è 12° nei test, in Qatar non sarà lì, ma sarà a lottare per la vittoria. Come sempre Vale stupirà”.

Sam Lowes ha poi parlato anche del suo compagno di squadra: “Cerco di essere cortese con lui. C’è sempre un limite, ma sono abbastanza buono in pista e uori, naturalmente io voglio battere lui e lui me. Credo che in ogni caso dobbiamo lavorare insieme per sviluppare al meglio la moto”.

“Aleix era compagno di Vinales in Suzuki l’anno passato e 2 anni fa e nella prima stagione lo ha anche battuto. Ora, invece, guardate Maverick dove è. Sarei felice di essere al pari di Aleix, se si pensa che anche Vinales ha fatto questo vuol dire allora che sarebbe un buon obiettivo. Si credo proprio che mi piacerebbe fare come Maverick. Certo ognuno è diverso, ogni stagione è diversa. Non mi aspetto di batterlo subito perché è un buon pilota, credo però che sia un buon obiettivo per me”.

Antonio Russo