Toto Wolff: “Alonso non si è ripreso dal 2007”

Toto Wolff
Toto Wolff (©Getty Images)

Toto Wolff non ha mai negato di apprezzare Fernando Alonso come pilota. Non a caso più volte ha ammesso di aver pensato a un possibile arrivo dello spagnolo in Mercedes. Tuttavia, non si sono mai verificate le condizioni affinché ciò accadesse.

Si era pensato a un clamoroso arrivo del due volte campione del mondo dopo l’inaspettato ritiro di Nico Rosberg. Ma la pesante penale da pagare per rompere il contratto con la McLaren e il rischio di creare tensioni con Lewis Hamilton hanno suggerito alla scuderia di Brackley di ingaggiare Valtteri Bottas. Il finlandese ha buon talento e può sicuramente raccogliere risultati importanti. Non è però un compagno troppo ingombrante, almeno per ora. Lo vedremo durante la stagione come si evolverà la situazione nel box.

F1, Toto Wolff su Fernando Alonso

Toto Wolff in un’intervista concessa a inews.co.uk ha parlato dell’asturiano tornando anche sul campionato 2017 di F1 quando era compagno di Lewis Hamilton e persero entrambi il titolo: “Devo dire che mi piace Alonso. E’ sempre focalizzato sull’obiettivo. Direi che per la gestione ha perso il campionato in 07. Alonso sentiva che tutti andavano contro di lui, che Lewis era il figlio amato. Questo è il motivo per è crollato. È costato a Mercedes e McLaren una somma enorme di denaro. Hanno perso il campionato e non hanno mai veramente recuperato. Alonso non si è ripreso mai, perché ha distrutto un sacco di relazioni con le cose che sono successe”.

Il direttore esecutivo della Mercedes successivamente si è così espresso su un possibile futuro approdo di Alonso nella scuderia anglo-tedesca: “Non avrei paura di avere Alonso, considerando che abbiamo avuto già Nico e Lewis. Alonso è sicuramente uno da prendere in considerazione, ma la rottura sarebbe grande forse”. Valtteri Bottas ha un contratto solo annuale e i giochi per il 2018 sono aperti. Sia Alonso stesso che Sebastian Vettel sono piloti accostati alla casa di Stoccarda. Ma sarà importante valutare chi potrà essere il miglior compagno per Hamilton.