Lucio Cecchinello: “Voglio il secondo pilota in MotoGP”

Lucio Cecchinello (©Getty Images)

Lucio Cecchinello, con il suo LCR Team, almeno per il momento, non ha tra le proprie priorità quella di vincere il mondiale di MotoGP. L’italiano però negli anni ha già dimostrato diverse volte di avere fiuto nello scovare giovani talenti. Nel 2006, infatti, proprio con il Team LCR, fece il proprio esordio nella classe regina del Motomondiale Casey Stoner, che solo un anno dopo si laureerà campione del mondo MotoGP in sella alla Ducati, in quello che resta ancora oggi l’unico acuto iridato nella storia di Borgo Panigale.

Il 2016 è stato davvero un anno positivo per Lucio Cecchinello, che con il suo LCR Team e un Cal Crutchlow in una forma smagliante e riuscito a cogliere due successi, in Repubblica Ceca e in Australia. Dopo le buone prestazioni dell’ultima annata però Cecchinello vorrebbe provare ad avere un secondo pilota in MotoGP.

Lucio Cecchinello: “C’era un progetto con Dorna”

Come riportato da “Speedweek.com”, Lucio Cecchinello ha così dichiarato: “Lo scorso anno abbiamo discusso con Dorna su un programma per giovani piloti da immettere nel campionato. Loro volevano inserire un giovane driver britannico in Moto3, c’era anche uno sponsor. Naturalmente se fosse stato un grande progetto avremmo anche potuto accettare, ma poi non se ne è fatto più nulla”.

“La mia priorità prima che pensare a Moto2 e Moto3, è quella di raggiungere stabilità finanziaria in MotoGP, così da poter correre con 2 piloti e vorrei raggiungere questo obiettivo già nel 2018. Sino a quel momento non penserò ad altre classi, per il prossimo anno mi concentro solo sulla MotoGP e sul trovare un giovane promettente per quella categoria”.

Tanti sono i nomi che già ruotano intorno a Lucio Cecchinello. I più caldi sono quelli di Morbidelli e Nakagami, ma non sono escluse sorprese dell’ultimo minuto. Magari qualche pilota che proprio nel 2017 si metterà in luce in Moto2.

Antonio Russo