MotoGP, Marc Marquez: “In Qatar non sarò al 100%”

Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

Marc Marquez è il campione in carica MotoGP e dunque sarà l’uomo da battere nel campionato 2017. Il binomio tra lui e la Honda è molto forte, sarà difficile da battere. Nei test è emerso un Maverick Vinales molto competitivo su Yamaha, però le gare sono un’altra storia.

Il fenomeno di Cervera dovrà guardarsi anche dagli eterni rivali Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. Entrambi hanno avuto delle difficoltà nei recenti test di Phillip Island, però vogliono lottare per il Mondiale. Più facile che a farcela sia il Dottore, perché il maiorchino è alle prese con l’adattamento alla Ducati. Molti sono comunque convinti che la battaglia per il titolo sarà un affare Marquez-Vinales, staremo a vedere. Mai darei nulla per scontato nel Motomondiale.

MotoGP Honda, Marc Marquez fiducioso

Nello scorso week-end Marc Marquez e Dani Pedrosa sono stati protagonisti di un test privato a Jerez de la Frontera. La Honda avrebbe voluto correre anche di domenica, ma a causa del clima i due piloti sono scesi in pista solamente al sabato, dopo lo shakedown precedente di Sete Gibernau sulle moto.

Il tre volte campione del mondo MotoGP ha commentato positivamente il lavoro svolto sul tracciato spagnolo. Queste le sue parole a Movistar TV: “Jerez è stato un test positivo, perché abbiamo provato la nuova moto su un circuito più breve, più piccolo ed è stato davvero interessante. Alla fine della giornata sono caduto perché la temperatura era sempre più fredda e ho perso l’anteriore, ferendo la spalla. Questa volta è stata quella buona, perché normalmente è quella di sinistra”.

Le conseguenze della caduta non sono state gravi, per fortuna, però in vista dell’ultimo test sul circuito di Losail le sue condizioni non saranno ottimali. Il pilota del team Repsol Honda ha spiegato: “Passo dopo passo sto sempre meglio e magari nel test in Qatar non sarò al 100%, ma molto, molto vicino.”

Marquez successivamente ha parlato della moto e del lavoro che sta svolgendo assieme alla squadra: “Forse la Honda che abbiamo in questo momento è quella con cui abbiamo finito l’anno scorso, vale a dire, la migliore Honda che abbiamo avuto l’anno scorso. A questo punto l’anno scorso eravamo molto lontani. Ma questa volta abbiamo iniziato con una buona base”.

 

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)