Sebastian Vettel: “Pronostico? Non ho la sfera di cristallo”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (©Getty Images)

Sebastian Vettel non vuole fare pronostici per la prossima stagione di F1, al via tra meno di un mese a Melbourne. La nuova monoposto DF70-H sembra affidabile e prestante, ma si tratta pur sempre di semplici test prestagionali. Anche un anno fa la Rossa aveva brillato e illuso, ma il campionato ha dato un responso molto diverso dalle previsioni.

Domani sarà Kimi Raikkonen a chiudere la quarta e ultima giornata di test in Catalunya, con una prova sul bagnato. Poi si ritornerà in pista dal 7 al 10 marzo sullo stesso circuito catalano. “Non ho la sfera di cristallo. Ho altre due palle, ma non mi dicono molto … “, ha scherzato Sebastian Vettel al termine della terza giornata. “Tutto quello che posso dire è che abbiamo ancora del lavoro da fare. La squadra dà tutto e abbiamo ancora un sacco di cose da fare prima di andare a Melbourne per competere nel primo Gran Premio della stagione”.

Nonostante i buoni riferimenti cronologici resta un mistero conoscere gli equilibri reali tra le scuderie. “Abbiamo avuto tre giorni buoni. Avrebbero potuto essere ancora migliori, ma siamo arrivati a un numero ragionevole di giri dal lunedi… Non ho prestato attenzione a ciò che gli altri stavano facendo. Capisco che tutti cercano di analizzare i tempi sul giro, ma è molto difficile sapere dove ognuno si ttrova perché non so cosa fanno le altre squadre, sia in termini di carico di carburante che sulla potenza del motore”.

Ma le nuove monoposto con gomme più larghe e aerodinamica aggiornata raccolgono il consenso di Sebastian Vettel. “La frenata è migliore, in curva è meglio, hai più grip. Poi, nelle curve a bassa velocità si dispone di più grip dalle gomme. E’ difficile confrontare con il 2016, è un animale diverso, una bestia diversa… La mia sensazione è migliore rispetto all’anno precedente. Ma questo perché le auto sono diventate più veloci in generale – ha concluso Sebastian Vettel -, perché la guida è automaticamente più divertente”.