Adrian Newey: “Non capisco il design della nuova Ferrari”

 Adrian Newey (©Getty Images)

Se il buongiorno si vede dal mattino. Quello delle Red Bull, impegnata nei primi test pre-stagione al Montmelo, non è stato per nulla grandioso. Questo lunedì, la scuderia austriaca ha infatti dovuto interrompere entrambe le sessioni disputate. Dapprima, causa guasto ad un sensore e successivamente per un problema alla batteria.

“Speriamo si sia trattato soltanto di un episodio sfortunato”. Ha dichiarato il team principal Chris  Horner.  “Anche perché nel complesso Daniel Ricciardo mi è sembrato soddisfatto. In più pure gli altri motorizzati Renault hanno dato segnali positivi”.

Poi a proposito del look delle F1 2017 ha ammesso. “Sono molto belle ed aggressive. Dunque sono sicuro che sapranno entusiasmare il pubblico. Peccato solo per le pinne posteriori. Il tema era già emerso in qualche incontro con il Gruppo Strategico e noi avevamo chiesto di eliminarle. Non essendo tutti d’accordo, sono state conservate. Ma per il 2018 mi auguro spariscano”.

Quindi sulla concorrenza e sull’uscita di scena di Ecclestone il manager, marito di Geri delle Spice Girls, ha riassunto. “Gli altri on ho avuto ancora occasione di osservarli da bordo pista, ma sono convinto che al momento nessuno ha ancora spinto. Circa Bernie, invece, sarà strano non averlo più nel paddock. Ciò che ha fatto per il Circus è incredibile. Ora staremo a vedere cosa farà la neo proprietaria Liberty Media. Mi sembra che il loro piano sia quello di rendere lo sport più divertente ed accessibile”.

In conclusione una stoccata alle scuderie che si sono appellate alla FIA per chiedere un controllo sulla regolarità delle sospensioni anteriori della RB13. “La Federazione  è contenta di come abbiamo interpretato il regolamento. Ma se qualcuno ha dei dubbi, è giusto approfondire”.

Terminato il discorso del boss, è cominciato quello del progettista mago. Alias Adrian Newey, che ha voluto precisare alcuni aspetti. “A mio avviso le modifiche regolamentari sono state meno importanti rispetto a quelle del 2009. Comunque mi rallegra che finalmente gli ingegneri abbiano avuto la chance di esprimersi maggiormente. In questo modo nel corso del campionato le macchine cambieranno molto, soprattutto nella zona dell’areazione”.

Parlando delle avversarie l’inglese è sembrato avere le idee chiare. “La Mercedes è ingegnosa. Sia  lei che la Toro Rosso hanno utilizzato due soluzioni particolari per l’avantreno. Diversamente non capisco la Ferrari e i suoi side pot. Sono troppo complicati”

Dulcis in fundo, il monito di Adrian Newey per il futuro. “Si è spesso intervenuti sulle regole senza prima avere chiara la direzione da intraprendere. E il risultato ottenuto è una F1  troppo dipendente dal motore. Specialmente da quando è stato introdotto l’ibrido la forbice tra i diversi propulsori è cresciuta. L’augurio è che almeno quest’anno si riesca ad assistere ad una battaglia per il titolo tra piloti di scuderie diverse”.