WorldSBK: Davies sfiora il colpaccio, Melandri è tornato

Marco Melandri
Marco Melandri (©Getty Images)

Ducati inizia con il piede giusto il WorldSBK 2017 conquistando un doppio podio a Phillip Island. Chaz Davies manca la vittoria per soli 25 millesimi lasciandogli un po’ di amaro in bocca. Marco Melandri ritorna sul podio dopo un lungo periodo di astinenza e riconquista la giusta fiducia per lottare al vertice.

“Sono soddisfatto perché é stato il primo weekend in cui non sono caduto a Phillip Island – ha detto Chaz Davies ai microfoni di Sport Mediaset -. È importante per i punti e per la stagione. Oggi ho voluto provare un’altra strategia, mettendomi davanti a due giri dalla fine, ma su questo circuito purtroppo non è possibile scappare. In ogni caso sono carico per la Thailandia”.

Il campione del mondo Jonathan Rea ha dimostrato di poter mantenere il sopravvento nel duello diretto contro Davies. Ma su circuiti più favorevoli alla Ducati la musica potrebbe cambiare. “Ho cercato di fare un paio di cose, senza follie. Ma non sono riuscito a chiudere in teste. Sempre all’ultima curva… Ma ho preso 20 punti, è stata una gara emozionante con molti ragazzi al fronte. Ho raccolto più punti rispetto allo scorso anno qui. Ma, naturalmente, sono un po’ deluso”.

Il risultato raccolto in Australia è comunque un successo se si considerano i precedenti. Davies ha elogiato la prestazione di Lowes, Fores e Laverty. E rimanda la sfida alla prossima tappa in programma fra due settimane. “E’ stato solo il primo weekend di gara, c’è ancora molta strada da fare. Queste sfide e alcuni nuovi nomi in cima li vedremo sempre più spesso quest’anno”.

Il grande ritorno di Melandri

Per i tifosi italiani è stato un buon inizio di Mondiale, con Marco Melandri ritornato sul podio dopo un’assenza durata 875 giorni. L’ultimo podio risaliva al 5 ottobre 2014 a Magny Cours. Dopo una stagione infelice con Aprilia in MotoGP e un anno sabbatico, il ravennate ha dimostrato di avere ancora la stoffa del campione. “È stata una gara dura – ha detto ai microfoni di Premium Sport -. Ma devo ringraziare tutti quelli che mi hanno dato l’opportunità di essere qua”.

Il pilota 34enne è grato al team Ducati per avergli dato fiducia. “Ho perso un sacco di tempo all’inizio e dopo per risalire ho speso veramente tanto sia di gomme che di energia, quindi non ero tanto pronto a stare nel mucchio. Mi sono ritrovato quinto a due giri dalla fine e ho dovuto inventarmi qualcosa – ha concluso Marco Melandri -. Devo ringraziare i ragazzi del team, la mia famiglia e tutti quelli che mi hanno dato l’opportunità di essere qua”.

L.C.