Presentata la Hyundai i30 che debutterà nel TCR nel 2018



Hyundai i30 ( © Hyundai official)

Per la prima volta nella sua storia. Nel 2018. Hyundai Motorsport si tufferà nel mondo delle corse in pista dopo un impegno intensivo nel WRC partito nel 2012. E precisamente farà il suo debutto nel TCR. Il campionato dedicato alle vetture turismo.

Con quale auto? Con la i30 New Generation lanciata lo scorso anno. Il prodotto che vedremo in azione sarà disegnato sulla base del modello stradale. O meglio su alcune delle sue caratteristiche più performanti emerse nel test effettuato sul mitico tracciato tedesco del Nurburgring.

In linea con il regolamento del TCR l’auto sarà spinta da motore 2.0 litri turbo, con serbatoio da 100 litri e cambio a 6 marce.

“L’avvio di un primo progetto dedicato alle gare in circuito è un passo molto importante per Hyundai Motorsport”. Ha confidato il boss Michel Nandan. “Il TCR ha dimostrato di disporre di un regolamento capace di attrarre e incentivare la nascita di numerose serie nazionali in tutto il mondo. L’obiettivo dell’azienda resta quello di incrementare la propria promozione all’interno del motorsport. Come già si sta facendo nei rally con la i20 Coupé WRC e la i20 R5 dedicata ai clienti. Sono certo che sapremo creare una macchina forte e dunque adatta ad una categoria sempre più competitiva”.

“Siamo lieti di accogliere la Hyundai nella nostra famiglia”. Ha commentato il fondatore del TCR Marcello Lotti. “L’ingresso di un costruttore coreano non potrà che aggiungere prestigio ad una lista già lunga di marchi famosi che hanno deciso di abbracciare la nostra filosofia. E di competere con i loro modelli produzione nei diversi campionati locali. Da parte nostra siamo convinti che la i30 sarà da subito all’altezza”.

La vettura dovrebbe cominciare le prime prove in pista nei prossimi mesi. Mentre per quanto concerne la fornitura ai clienti interessati bisognerà aspettare dicembre.

In questi mesi il gruppo asiatico con sede europea ad Alzenau. Germania. Ha lavorato sodo per far crescere la i20 con l’intenzione di portarsi a casa il Mondiale Rally. Nelle ultime quattro stagioni nelle mani della Volkswagen. Ora fuoriuscita a seguito del diesel-gate.

Chiara Rainis