KTM, Stefan Pierer: “Odiamo la Honda, sono degli imbroglioni”

CEO KTM Stefan Pierer (©Getty Images)

Una grande giornata per il team KTM che ha presentato al mondo intero la nuova livrea delle moto che prenderanno parte al prossimo campionato di MotoGP. La casa austriaca dopo anni di vittorie nelle cosiddette serie minori ha deciso finalmente di lanciarsi nella classe regina del Motomondiale. La squadra prenderà parte al campionato con i piloti Bradley Smith e Pol Espargarò.

KTM nell’ultimo periodo ha avuto notevoli diverbi con Honda sia sui regolamenti in Moto3, che sul fronte Dakar. Altro problema importante poi è nato in Moto2, dove per questioni di regolamento, tutte le moto sono costrette a montare motore Honda. Incredibilmente però, proprio mentre i riflettori erano tutti puntati sulla nuova RC16, l’amministratore delegato KTM, Stefan Pierer, ha lanciato una vera e propria bomba sul Motomondiale.

KTM, Stefan Pierer: “Non capiamo perché Honda si comporta così”

Pierer, infatti, ha dichiarato: “Non siamo interessati alla fornitura di motori della Moto2, non vogliamo esagerare. Stiamo facendo già tante cose nelle corse, quello che avete visto qui oggi è già tanto. La Moto2 è meno costosa della Moto3 perché c’è il motore uguale per tutti. Il propulsore però è del competitor che odiamo di più, la Honda, ma per noi non è un problema montare i loro motori sulle KTM. Poi da quello che si vocifera in futuro sarà la Triumph a fornirli, quindi credo sia bello”.

“Odio la Honda perché batterli è una grande sfida, loro provano sempre ad imbrogliare. Guardate cosa è successo alla Dakar appena 2 mesi fa. La stessa cosa accade anche in Moto3 e non capisco il perché, non ne hanno bisogno. Diciamo che sono queste le ragioni che ci fanno essere maggiormente felici nel battere la Honda”. La Honda, infatti, durante l’ultima Dakar si sarebbe macchiata di un presunto rifornimento non autorizzato che avrebbe avvantaggiato il marchio giapponese.

Antonio Russo