MotoGP, Jorge Lorenzo: “Non mi pento di aver scelto Ducati”

Jorge Lorenzo a Phillip Island
Jorge Lorenzo a Phillip Island (©Getty Images)

Jorge Lorenzo migliora ma non brilla nell’ultima giornata di test a Phillip Island. Il neo pilota Ducati chiude la sessione di prove ufficiali all’8° posto e con un gap di 0,793 secondi dalla Yamaha di Vinales. L’obiettivo era di migliorare il feeling con la sua nuova GP17 ed è stato centrato. Ma resta ancora lavoro da fare in vista dell’inizio del Mondiale in Qatar fra poco più di un mese.

Dopo due giorni in salita il maiorchino torna a intravedere le parti alti della classifica. “Dopo i test di Phillip Islanda so quello che dobbiamo fare per il futuro – ha detto Jorge Lorenzo -. Certo, non ho raggiunto il mio limite. Su un tracciato con più aderenza si può avere una sensazione diversa. Devo vedere positivo. E’ stato un buon test”. Stavolta il compagno di squadra Dovizioso è ad un palmo di naso, quasi un decimo di secondo.

“Nella prima gara in Qatar, noi non lotteremo per la vittoria – ha sottolineato il tre volte iridato della MotoGP -. Ma con gomme più morbide e più aderenza in pista in Qatar potremo fare molto meglio. E su altre piste chi lo sa? Per recuperare il ritardo da Honda e Yamaha abbiamo bisogno di fare un grande passo avanti. Ducati e Yamaha sono moto completamente diverse, richiedono stili di guida opposti. La Ducati non ha velocità in curva , si deve recuperare il tempo sui freni. Devi dare gas in maniera molto aggressiva”.

Necessita ancora di tempo Jorge Lorenzo prima di trovare la perfetta sintonia con la Desmosedici. Ma che effetto fa vedere la sua Yamaha ufficiale, ora guidata da Vinales, in testa alla classifica? “Non ho rimpianti per la mia decisione – ha assicurato il pilota di Maiorca -. Sono molto felice, tutti nella squadra mi trattano bene, mi sento bene qui. Tutti in Ducati sono molto professionali”.