Maverick Vinales: “Non sono ancora contento”

Maverick Vinales (©Getty Images)

Maverick Vinales conferma di essere in un ottimo stato di forma. Il primo giorno di test in Australia per lui si è concluso con un ottimo terzo posto nella classifica generale alle spalle di Marc Marquez e del compagno di team Valentino Rossi. L’impressione in generale è che la Yamaha sarà la moto da battere in questo campionato di MotoGP.

Come riportato da “Marca”, lo spagnolo ha parlato di questo primo giorno di test: “Abbiamo provato di tutto, non so nemmeno quello che avevo sulla moto. a parte gli scherzi penso che abbiamo fatto davvero un ottimo lavoro oggi. Abbiamo scelto le migliori soluzioni che avevamo portato dopo i vari tentativi. La cosa più importante è il ritmo. Marc è molto forte, così come in Malesia. Il ritmo è buono, non sono molto lontano, ma non sono ancora contento”.

Maverick Vinales parla anche dalla possibilità di fare una simulazione di gara: “Oggi ci siamo portati avanti con il lavoro per provare a fare un long run domani. Ho molta voglia di provare una cosa come questa, perché Marquez in Malesia ha fatto uno spettacolare stint lungo e se vogliamo competere con lui dobbiamo farlo anche noi”.

Maverick Vinales: “La Yamaha è più dolce”

Il tempo finale non sembra essere una priorità: “Sono molto competitivo, ma non avevo la gomma nuova. Ho dovuto sopportare e andare avanti, non posso fare altro, con la dura non credo che ci sarei riuscito. Con Ramon Forcada abbiamo pensato che era meglio lavorare sulle gomme e concentrarci sul ritmo nei prossimi 2 giorni. Marc è uscito e al secondo passaggio già ha girato in 1:30. Anche io ci sono riuscito e credo sia una buona cosa. In ogni caso la moto è molto diversa da quella che guidavo l’anno scorso e devo cambiare i miei riferimenti”.

Sull’evoluzione della moto, invece, afferma: “Penso che ogni volta completeremo sempre di più la messa a punto della moto. Oggi abbiamo provato molte cose, non tutto funziona, ma ogni giorno mi sento sempre meglio sulla moto. Mi sono sempre sentito a mio agio su questa pista, sin dai tempi di Suzuki. Sono andato un po’ lento nel secondo settore, credo di poter andare ancora più forte”.

Maverick Vinales poi affronta anche le differenze tra Suzuki e Yamaha: “In questa pista ho notato che la moto è diversa. Ci sono aspetti positivi e negativi. Ora dobbiamo cercare di lavorare sodo. Ho visto che Marc è sempre molto veloce nel secondo settore, quindi dobbiamo concentrarci sulle curve lente, domani non avremo tante cose da provare, quindi ci dobbiamo concentrare sul ritmo”.

“Con la Suzuki potevo essere più aggressivo, mentre con Yamaha devo essere più morbido perché ha una guida più dolce. La moto è buona e possiamo fare ottime cose”.

Antonio Russo