Marc Marquez: “Motore ed elettronica non funzionano bene”

Marc Marquez (©Getty Images)

Nonostante il miglior crono nel day-1 Marc Marquez non è soddisfatto del nuovo connubio motore-elettronica testato a Phillip Island. Il pilota Repsol Honda sigla il best lap in 1’29″497 ma ritiene ci siano ancora ampi margini di miglioramento sulla RC213V.

Nella prima giornata di prove ufficiali in Australia il team iridato ha lavorato sul nuovo motore a scoppio irregolare, sulle mappature e sull’elettronica. Soprattutto da quest’ultimo segmento la Honda vuole guadagnare velocità e prestazioni per la stagione 2017 di MotoGP.

“L’elettronica ed il motore non stanno ancora lavorando molto bene insieme”, ha detto Marc Marquez dopo il day-1. “Il motore è diverso da quello di Sepang, quindi abbiamo bisogno di un po’ più di tempo. Abbiamo dovuto adattare l’elettronica e tutto il resto. In un weekend di gara non avremo tempo, ma qui dobbiamo prendercelo. Cerchiamo di trovare i punti deboli. A mio parere manca ancora qualcosa in alcune aree. L’elettronica e il motore non funzionano particolarmente bene. Su questa rotta, l’accelerazione è la nostra debolezza. Ma abbiamo ancora del lavoro da fare, perché in alcune zone non mi sento bene”.

Il nuovo motore non è troppo aggressivo, ma è il feeling in generale a non soddisfare le aspettative del fenomeno di Cervera. “Il motore non è particolarmente potente, è piuttosto normale. Il collegamento con l’acceleratore, l’elettronica e la trasmissione di potenza alla ruota posteriore mi danno una brutta sensazione – ha sottolineato Marc Marquez -. Forse anche perché sono andato a lungo con un certo tipo di motore. Devo adattare un po’ il mio stile di guida… So che dobbiamo essere pazienti con i nuovi elementi. La cosa importante è che sia al cento per cento per la gara in Qatar”.