Franco Morbidelli (©Getty Images)

Il team LCR Honda di Lucio Cecchinello sarà l’unico team MotoGP a scendere in pista con un solo pilota. Difficile sostenere tutte le spese fino a quando non si riuscirà a trovare uno sponsor degno di nota. Ma per la stagione 2018 si punta al secondo pilota: Franco Morbidelli è uno dei candidati.

Solo nel 2015 il team è riuscito a schierare due piloti, Crutchlow e Miller, grazie al marchio CWM, che però ha versato solo 4 dei 6,5 milioni di euro concordati. Tant’è che il logo è scomparso dopo il GP di Brno. Adesso Lucio Cecchinello ci riprova in vista del prossimo anno. “La scadenza è per la fine di maggio – ha detto a Speedweek.com -. La realtà è che sto ancora cercando sponsor e questo non è semplice, anche se l’anno scorso abbiamo ottenuto risultati molto buoni”.

Crutchlow ha vinto due GP, Repubblica Ceca e Australia, e due podi, Germania e Gran Bretagna. Un risultato più che ottimale per una squadra satellite. Lo sforzo economico per due piloti non significa raddoppiare le entrate, motivo per cui l’obiettivo è raggiungibile. “Il denaro che riceviamo da Dorna e IRTA copre tra il 50 e il 60 per cento dei costi operativi. Quindi non abbiamo bisogno di una quantità enorme aggiuntiva”, ha precisato il team manager.

Il governo della Malesia e Honda sono pronti a finanziare il passaggio di un pilota asiatico in MotoGP. Questa è la prima opzione papabile. Ma l’asso nella manica si chiama Franco Morbidelli, quarto nella scorsa stagione in Moto2 e tra i candidati al Mondiale nel 2016. “Per me Morbidelli è un nome interessante – ha ammesso Lucio Cecchinello -. Abbiamo già parlato con lui. E’ gestito dalla VR46 Academy. Insieme al mio staff abbiamo contattato la VR46 per scoprire com’è la situazione per Morbidelli. Hanno detto che sono lieti di rimanere in contatto con noi… Si inserirebbe perfettamente nella MotoGP. Avrebbe molto senso per me, perché finalmente potremmo avere un pilota italiano”. E magari uno sponsor italiano…. Ma c’è tempo fino alla fine di maggio.

L.C.