Valentino Rossi: il decimo titolo non è un obbligo per Yamaha

Valentino Rossi (© Getty Images)

La stagione 2017 della MotoGP potrebbe regalare a Valentino Rossi il decimo titolo della carriera.

Sarà per la grande tifoseria. Sarà per l’inevitabile attenzione nel confronti del “Dottore” che Ramon Forcada, ex capo tecnico di Jorge Lorenzo e ora di Maverick Vinales, ha messo le mani avanti sostenendo che il box Yamaha non avrà alcun obbligo morale.

“I nipponici sono flemmatici. Vogliono soltanto vincere. E l’avversario principale di chiama Honda” – ha sottolineato l’iberico a Motorsport.com.

Reduce da una soddisfacente tre giorni di test a Sepang, in cui Vinales è subito apparso competitivo in sella alla M1, Forcada ha tuttavia dovuto riconoscere l’importanza del #46.

“Chiaro che dal punto di vista del marketing certi dettagli contano, ma vi posso comunque assicurare che la dirigenza è interessata solo al successo. Che sia con Vale, con Folger, con Zarco o Maverick” – ha aggiunto.

“L’obiettivo Yamaha è vedere uno dei suoi piloti in testa alla classifica. Non vi alcuna preferenza. Ecco perché il decimo mondiale di Rossi non deve essere considerato un must. Ovvio che se avesse corso per un team italiano sarebbe stato diverso” – il suo pensiero.

“Dovesse riuscire nell’impresa sarebbe comunque ottimo per lo sport” – ha quindi sottolineato – “E’ raro vedere qualcuno ripetersi per così tanto tempo. Inoltre l’impatto mediatico sarebbe enorme”.

E giusto in tema target per la squadra del Diapason ha fatto sapere la sua il team manager Lin Jarvis:“I test della Malesia hanno dato un riscontro incredibilmente buono. Le moto, incluse quelle del Tech 3, hanno risposto molto bene. E le innovazioni portate dagli ingegneri hanno funzionato alla perfezione. Una cosa che non capita spesso. A fronte di tutto ciò sono convinto che riusciremo a centrare i nostri 3 obiettivi. Ossia: la vittoria del mondiale piloti, di quello costruttori e quello delle scuderie”.

Infine su Valentino Rossi ha dichiarato: “Ha 38 anni e vedere un ragazzo di quell’età essere ancora così veloce è fenomenale. A mio avviso dispone del potenziale per conquistare il decimo titolo. Ma dovrà vedersela con Vinales. Un candidato di primo piano. In generale direi che abbiamo a disposizione una coppia assolutamente competitiva”.