Valentino Rossi e Maverick Vinales impazienti di correre in Australia

Valentino Rossi e Maverick Vinales (©Getty Images)

Valentino Rossi e Maverick Vinales in questi giorno sono stati protagonisti con Yamaha di due eventi promozionali in Thailandia e Vietnam. La pausa in vista dei prossimi test di Phillip Island (15-17 febbraio) viene sfruttata dalla casa di Iwata per iniziative commerciali.

Bagno di folla per entrambi i piloti, in particolare per il nove volte campione del mondo. Quello del Dottore è un volto internazionale e apprezzato in tutto il mondo. Quindi sono sempre molti i tifosi che accorrono quando lui si presenta in qualche luogo, anche diverso dai circuiti. Ma pure il suo compagno di squadra spagnolo sta acquisendo sempre più simpatizzanti e dimostrandosi competitivo nel 2017 potrà ingrandire la propria fanbase. La M1 si è mostrata una moto competitiva nelle prime apparizioni ed entrambi i rider possono puntare al titolo nel 2017.

Valentino Rossi e Maverick Vinales pensano ai test

A Ho Chi Min, celebre città del Vietnam, oggi c’è stata una conferenza stampa in cui sia Valentino Rossi che Maverick Vinales hanno parlato. Ambedue entusiasti di essere approdati nel Paese asiatico, ma con la testa già rivolta al test MotoGP di Phillip Island, in Australia.

Queste le dichiarazioni del 37enne di Tavullia, che il 16 febbraio compirà 38 anni ed è stato festeggiato in anticipo in questi giorni: “E ‘stata la mia prima volta in visita in Vietnam ed è un posto veramente bello. Non ho avuto il tempo di vedere molto di Ho Chi Minh, ma durante i viaggi in macchina ho sempre guardato fuori dal finestrino. E’ incredibile quante persone siano in movimento con scooter! La giornata organizzata da Yamaha Vietnam è stata molto bella e mi ha fatto capire quanta passione c’è anche in questo luogo per le moto. Sarò contento di tornare in Vietnam in futuro. Auspico, inoltre, che in futuro alcuni piloti vietnamiti saranno in grado di diventare piloti professionisti! Ora partiamo per andare in Australia, dove avremo tre giorni di test importanti. Sarò molto felice di tornare a bordo della mia M1 ancora una volta, non vedo l’ora di continuare i test”.

Le parole del suo compagno ed ex pilota Suzuki sono sulla stessa linea sostanzialmente: “Non mi aspettavo di ricevere un così caloroso benvenuto ogni volta che visitiamo uno dei Paesi durante questo tour. Le persone sono così cordiali e appassionato MotoGP e questo mi dà una motivazione in più per fare loro orgoglio in pista. Mi piace fare questo tipo di eventi, che giocano intorno sulla moto e condividono l’esperienza con i fans. Voglio ringraziare i distributori di Yamaha da Thailandia e Vietnam per l’organizzazione di questi due giorni incredibili e per la gentilezza con cui ci hanno trattato. Non avrei potuto chiedere un finale migliore per il tour promozionale. Passo ora a concentrarsi sul test in Australia, perché sono impaziente di guidare di nuovo la mia M1”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)