Marc Marquez: “Abbiamo capito i problemi della Honda”

Marc Marquez Santi Hernandez
Marc Marquez e Santi Hernandez (©Getty Images)

Marc Marquez è senza dubbio l’uomo da battere nel campionato MotoGP 2017. E’ il campione in carica ed è normale che il mirino sia puntato soprattutto su di lui. Anche se la concorrenza è forte e ci attendiamo grande equilibrio e battaglia in pista.

I tre giorni di test a Sepang non erano cominciati bene per il team Repsol Honda. Soliti problemi di elettronica e di motore per la RC213V. Le prime tre giornate sono state molto complicate, ma nell’ultima sia Marquez che Dani Pedrosa sono andati forte. Ovviamente bisogna lavorare ancora molto per migliorare ed essere al 100% per l’inizio del Mondiale. Ci sono ancora due sessioni di test, in Australia e Qatar, per risolvere ogni problematica presente. Considerando il livello elevato del team, la sensazione è che il bandolo della matassa sarà trovato.

Marc Marquez tranquillo per il campionato MotoGP 2017

Marc Marquez, nonostante alcuni problemi, è tranquillo e fiducioso. Sa di disporre di una squadra con tecnici molto competenti e di poter migliorare il feeling con una moto che va sfruttata in tutto quello che il suo potenziale.

Il fenomeno di Cervera, ripreso da Autosport, ha spiegato qual è la situazione al momento e si è mostrato sicuro di poter trovare la soluzione a tutto: “L’anno scorso eravamo più lontani dai migliori, ho faticato molto di più. L’anno scorso qui, in questo momento non avevo capito niente. Ora abbiamo capito dove sono i problemi. Ma voglio aspettare un altro circuito. La Malesia è un circuito speciale. Condizioni particolari, molto caldo. Ho avuto l’esperienza del 2015, quando ero molto veloce lì e poi su altri circuiti dovevo lottare molto”.

In effetti un anno fa molti nel pre-campionato non consideravano Marquez un candidato per il titolo. Sembrava che fosse un affare di casa Yamaha, invece la stagione ha detto altro. Lo spagnolo ha conquistato il suo terzo Mondiale in quattro anni di MotoGP. Nonostante inizialmente non disponesse del pacchetto migliore, è stato bravo a sfruttare ogni occasione avuta e ad ottenere il massimo. Un anno corso più saggiamente e con maggiore prudenza, lasciando alle spalle l’eccessiva aggressività che lo aveva portato a cadere molte volte nel 2015.

Il pilota ufficiale della Honda, tornando al test di Sepang, ha spiegato che lui e il team saranno chiamati presto a prendere una decisione sulla RC213V da impiegare: “Ho lavorato con due moto completamente diverse e abbiamo fatto il back-to-back. Con una moto siamo quasi al limite ed è difficile capire dove migliorare, mentre con l’altra c’è potenzialità, ha più coppia e margini di miglioramento. Ma ora dobbiamo decidere in che direzione andremo avanti”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)