Mark Webber (©Getty Images)

Per Mark Webber grazie al nuovo regolamento le F1 che vedremo in pista a partire dai primi test invernali in programma dal 27 febbraio a 2 marzo sul circuito spagnolo del Montmelo saranno veloci come quelle di un decennio fa e garantiranno uno spettacolo migliore rispetto a  quanto visto nelle ultime stagioni.

“Dal punto di vista sportivo le monoposto 2017 sono un bel passo avanti e con uno spunto come non si vedeva da tempo” – ha rivelato l’australiano in occasione della 12 Ore di Bathurst prevedendo un taglio di circa 5″ del tempo sul giro.

“I piloti torneranno a guadagnarsi lo stipendio e sul podio li vedrete sudati, il che è magnifico” – ha proseguito il campione WEC 2015 esaltando l’aggressività del look e della sostanza delle F1 – “Le auto saranno fantastiche, avranno un downforce maggiore e più potenza. I motori saranno grandi per far fronte al drag (resistenza dell’aria) e a pneumatici più ampi. A questo proposito l’unica cosa che non funziona è l’orribile cerchio delle gomme. Avrebbero dovuto ingrandirlo!Quello di adesso è troppo piccolo!”.

Come giustamente affermato da Mark Webber, ex driver Red Bull, l’era del V6 turbo ibrido (iniziata nel 2014) ha rallentato e non poco le vetture. Progressivamente le loro prestazioni in gara sono peggiorate a causa del peso, incrementato dalla FIA a seguito del divieto dei rifornimenti in corsa, e dell’alto degrado degli pneumatici. Due problematiche che come sapranno bene i tifosi del Circus hanno costretto i corridori a giocare di gestione e quindi ad alzare il piede per non consumare troppa benzina o le coperture a scapito dello show.

Per far capire le differenze di performance Autosport ha pubblicato un interessante confronto relativo al GP di Spagna. Nel 2008, al termine di un periodo di safety car, il leader Kimi Raikkonen, nelle quattro tornate successive aveva segnato i seguenti tempi: 1’23″035, 1’22″934, 1’22″703, 1’22″947. Lo scorso anno invece, rientrata la vettura di sicurezza Daniel Ricciardo aveva fermato il cronometro così 1’30″042, 1’30″264, 1’30″506, 1’30″577.

Chiara Rainis