Johann Zarco: “Non voglio essere compagno di squadra di Rossi”

Johann Zarco (©Getty Images)

Johann Zarco dopo gli ultimi 2 anni passati a stravincere il mondiale Moto2 è approdato finalmente in MotoGP, firmando con il team satellite Yamaha Tech 3. Il pilota francese, punta a fare una grande stagione d’esordio per guadagnarsi magari il pass per un team ufficiale nella prossima annata. Come riportato da “motorevue.com” il ragazzo è davvero molto carico per l’esordio nella classe regina del Motomondiale.

Zarco ha commentato: “Tra Moto2 e MotoGP c’è differenza di accelerazione, frenata e aderenza. Qui si frena in maniera molto decisa. Anche se Valentino Rossi per me è un idolo io non amo essere suo compagno di squadra. Credo sia molto difficile stare nel suo stesso team. Guardando le altre squadre credo che mi piacerebbe avere come compagno di box Maverick Vinales”.

Sulle capacità di un pilota MotoGP aggiunge: “Credo che ci vogliono grandi capacità di guida. Bisogna essere molto intelligenti. Nella prossima stagione punto al podio, poi naturalmente voglio la vittoria. In Moto2 per il prossimo anno vedo bene Morbidelli, Luthi, Nakagami e Baldassari. Sono contento dei test e della squadra, sto conoscendo meglio la moto e il mio team. In un primo momento mi sono concentrato sul mio stile di guida, poi ho pensato all’elettronica”.

Zarco: “Volevo una moto giapponese”

Su un possibile approdo in KTM, invece Johann Zarco è stato categorico: “Volevo una moto giapponese e l’ho ottenuta. Ho cominciato la mia preparazione per la MotoGP già nel 2016, quindi per me non ci sono stati molti cambiamenti. Quando farò la prima vittoria farò un salto mortale, un podio merita al massimo una capriola”.

Il francese si è poi soffermato nuovamente sulle differenze che intercorrono tra Moto2 e MotoGP: “Questa moto accelera molto di più di quella di una Moto2. L’accelerazione è diversa e per raddrizzare la moto bisogna comportarsi in maniera differente, inoltre in curva tra le due realtà c’è un divario abissale”.

Antonio Russo