Valentino Rossi, come nasce il nuovo casco (VIDEO)

Casco Valentino Rossi (©Getty Images)

Nei giorni scorsi dopo tanti mesi di atrofia finalmente i motori della classe MotoGP hanno ricominciato a ruggire forte. La tre giorni di test a Sepang porta via con sé i teloni che ancora ci oscuravano le nuove moto (quasi tutte le squadre in fase di presentazione hanno messo in mostra solo nuove livree, ma non nuovi mezzi meccanici). Tra le tante nuove soluzioni hanno fatto scalpore le alette interne della Yamaha e lo strano contenitore in carbonio posto nel retrotreno della Ducati, che a qualcuno ha fatto pensare ad un possibile mass damper in stile Formula 1.

Sepang però ci consegna anche tante certezze. Per prima cosa, Stoner è ancora un signor pilota e probabilmente manca maledettamente a questo mondo uno come lui, che si è ritirato davvero troppo presto. Lui poi con la Rossa di Borgo Panigale ci sa fare davvero e sarebbe stato uno spettacolo vederlo battagliare quest’anno con Valentino Rossi e gli altri.

Proprio la Ducati sembra essere ritornata quella moto potente e grintosa che qualche anno fa metteva in difficoltà le giapponesi e poco male se per ora Jorge Lorenzo sembra ancora un pesce fuor d’acqua. L’Honda sembra un passo indietro alle altre, con problemi evidenti di elettronica, ma Marquez sa il fatto suo e sicuramente lotterà per il mondiale. Suzuki, invece, soprattutto con Iannone punta ad essere la sorpresa di questa stagione. Infine attenti a quei due, Maverick Vinales e Valentino Rossi, due che se li vedi su una moto di un top team come Yamaha pensi subito alla corona iridata.

Valentino Rossi, omaggio innevato alla sua Tavullia

Lo spagnolo e l’italiano hanno già dimostrato di poter essere competitivi. I test a Sepang però sono stati anche l’occasione perfetta per mostrare al mondo intero il nuovo casco di Valentino Rossi. Un autentico omaggio alla sua terra, per l’occasione vestita di neve. Grazie alla pagina Facebook “Drudi Performance” possiamo dare un’occhiata alla genesi di questo fantastico casco, attraverso la clip che è stata mandata proprio a Rossi in fase di progettazione.

La voce fuoricampo (Aldo Drudi, storico ideatore dei caschi del dottore) ci descrive nei minimi dettagli il casco che non è altro che il centro cittadino di Tavullia dove un giovane Valentino Rossi “attaccava su il motorino”. L’italiano ha voluto fare un omaggio alla propria terra, che in questo caso si presenta a noi come in una sorta di palla di vetro dove la neve sporca i tetti e le case. Un gesto che i compaesani di Rossi avranno sicuramente apprezzato e un modo per il dottore per avere sempre in testa la strada di casa.

Antonio Russo