Maverick Vinales: “Sono sicuro, lottiamo per la vittoria”

Maverick Vinales
Maverick Vinales (©Getty Images)

Maverick Viñales è la nuova stella che brilla nel cielo della MotoGP. Il più veloce nella giornata finale di Test a Sepang, il primo nella classifica combinata dei tre giorni. Un campanello d’allarme per Valentino Rossi che preannuncia: “Sarà una dura lotta”.

La Yamaha M1 viene promossa al primo esame prestagionale. Gli aggiornamenti hanno risposto positivamente alle aspettative, le alette interne sembrano una buona soluzione aerodinamica. Ma il miglior risultato riguarda la durata del pneumatico posteriore, punto debole nella stagione passata. Proprio quello che cercava Maverick Vinales alla vigilia dei test che subito svetta in alto nella classifica dei tempi in 1’59″368.

Simulazione gara vera ‘prova del nove’

Il lavoro proseguirà a Phillip Island tra meno di due settimane. Sarà l’occasione buona per compiere una simulazione di gara e capire quanto potrà essere davvero concorrenziale al primo GP. “Questa settimana abbiamo lavorato molto bene sul set up da gara. Posso dire che abbiamo fatto un buon lavoro e portiamo un buon pacchetto per l’Australia. Mi sento veramente bene. La moto è migliorata molto. Ogni volta che andiamo in pista facciamo un passo avanti. Ecco perché sono felice. Non andiamo mai indietro”.

L’ex pilota Suzuki sembra l’unico ottimista dopo la prima sessione di prove, anche se resta tanto lavoro da fare al box Yamaha. “Per me la trazione è stata una sorpresa. E’ davvero costante, così da poter lavorare molto sulla velocità in curva. Onestamente rende facile fare il tempo sul giro per tutto il tempo sullo stesso ritmo. Comunque sento che c’è ancora un sacco di lavoro con me stesso e il mio stile di guida. Posso prendere più profitto dalla nostra moto, so che c’è un grande potenziale per lo sviluppo”.

Resta l’incognita del ritmo gara per Maverick Vinales, l’ultima prova del nove prima di potersi ergere a primo rivale di Marc Marquez. A Phillip Island sarà una voce in capitolo nella tabella di lavoro. Insieme al telaio della M1 dove permane ancora qualche dubbio. “Il nuovo telaio mi piace, ma ci sono ancora alcuni dettagli da migliorare. Non siamo ancora sicuri al cento per cento se continueremo con questo. Pertanto, una simulazione di gara sarà molto importante… Il nostro passo è stato il migliore, quindi – ha concluso – sono sicuro che possiamo lottare per la vittoria”.

L.C.