Yamaha: Rossi e Vinales lavorano su motore, elettronica e telaio

La Yamaha M1 2017 di Valentino Rossi
La Yamaha M1 2017 di Valentino Rossi (©Getty Images)

Yamaha si riscopre in grandissima forma nei primi due giorni di test a Sepang. Maverick Vinales ha instaurato subito un ottimo feeling con la YZR-M1, Valentino Rossi naviga nelle posizioni di vertice, ma resta ancora molto lavoro da fare prima del GP del Qatar. Ai box Movistar Yamaha si provano aggiornamenti, nuovi telai, carenature e soluzioni aerodinamiche. Stavolta è vietato sbagliare dopo gli errori tecnici della scorsa stagione.

La pioggia sta limitando il tempo a disposizione, ma è una variabile comune a tutti i team. “Anche se abbiamo iniziato in ritardo, il test sta procedendo bene – ha dichiarato Massimo Meregalli -. Siamo stati sfortunati a non poter iniziare questa mattina presto. Avevamo un sacco di voci sul programma e non siamo stati in grado di completare tutto il lavoro. Valentino e Maverick hanno fatto un grande sforzo per girare il più possibile con pista asciutta. Entrambi hanno testato il ​​nuovo cupolino e un nuovo telaio”.

Si lavora su motore, elettronica e durata del pneumatico posteriore. Nella scorsa stagione Valentino Rossi ha perso posizioni nel finale di gara, quando la gomma posteriore ormai era sin troppo consumata rispetto agli avversari. Ogni difetto 2016 viene focalizzato e cercato di risolvere. “Abbiamo cercato di migliorare la vita del pneumatico posteriore, con risultati positivi. Finora il feedback da parte dei piloti è stato buono, quindi siamo fiduciosi circa il materiale che stiamo testando. Speriamo di essere in grado di iniziare alle 10:00 domani per continuare il nostro sviluppo e completare il lavoro nei tempi previsti – ha concluso il team manager della Movistar Yamaha -. Dobbiamo anche provare un nuovo pneumatico per la Michelin”.