Test Sepang, Rossi: “Marquez ha giocato a nascondersi”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi scala la classifica nel secondo giorno di Test Sepang MotoGP. Chiude al quarto posto con un gap di 0,8 secondi da Andrea Iannone e meno di mezzo secondo da Maverick Vinales. Cresce l’intesa tra il Dottore e la YZR-M1, in attesa di vedere la versione definitiva nella prima gara del Qatar a metà marzo.

Il nove volte iridato del team Movistar Yamaha prova tanti e nuovi dettagli nella seconda giornata, nonostante il maltempo abbia condizionato la tabella di marcia. Tra le novità testate da Valentino Rossi anche un nuovo telaio e delle carene laterali diverse. La nota positiva è aver migliorato il crono del giorno precedente, ma ancora una volta Maverick Vinales risulta più veloce.

“È stata una giornata positiva, mi sentivo meglio e siamo riusciti a fare tanti giri; soprattutto siamo riusciti a lavorare con costanza. Avevamo molto da provare, un nuovo telaio, diverse soluzioni per l’elettronica e un po’ di gomme. Va tutto bene e siamo abbastanza contenti. Ho provato a fare un time attack, ho migliorato il mio tempo di ieri e sono in quarta posizione. È positivo”.

Occhio a Lorenzo e Marquez!

Partito Jorge Lorenzo ai box Yamaha è arrivato un altro “incubo spagnolo”, ancora una volta davanti nella classifica dei tempi. Un bel grattacapo per il Dottore… “Per me personalmente non è cambiato molto. Con Viñales ho un buon rapporto. Con Lorenzo una rivalità formidabile… A volte ci sono stati dei problemi. Ma per me non è cambiato nulla di importante… Preferisco concentrarmi sul mio lavoro”.

Bocche cucite sulle alette interne. “Purtroppo, mi è stato detto da Yamaha di non dire nulla”, scherza il pesarese. Ma il vero cambiamento è il nuovo telaio: “La prima impressione è stata buona”, ma non è detto che sia la soluzione definitiva. Domani ci saranno ulteriori prove con un altro telaio e lavori di comparazione”. Al momento si potrebbe azzardare che sia la M1 la moto più in forma. “E’ troppo presto per esprimere un giudizio. Sono convinto che Lorenzo sarà pronto al via in Qatar… Marc ha lavorato oggi con gomme usate, ha fatto il long run e ha guidato come se giocasse a nascondersi. Non sarei sorpreso – ha concluso Valentino Rossi – se domani montasse gomme morbide e fosse mezzo secondo davanti a tutti”.

L.C.