Nico Rosberg: “Continuerò ad essere un fan della F1”

Poche ore dopo la conquista del suo primo titolo iridato di F1 sotto il cielo stellato di Abu Dhabi e la conseguente realizzazione del sogno d’infanzia Nico Rosberg aveva sorpreso il mondo con l’annuncio del ritiro dalle competizioni ad appena 31 anni.

Subito sparito dal radar dei riflettori per dedicarsi in santa pace alle vacanze di Natale, il tedesco si è fatto rivedere questa settimana a Düsseldorf in occasione delle premiazioni organizzate dalla Keep Fighting, iniziativa benefica creata dalla famiglia di Michael Schumacher, durante le quali ha risposto ad alcune domande e curiosità.

“Come riempio le mie giornate ora? Restando seduto sul divano!” – ha scherzato  – “No, in realtà sto cercando di tenermi sempre attivo e di mantenere un programma sportivo oltre ad un’alimentazione sana per evitare di farmi venire la pancia del bevitore di birra”.

“Per il resto sto visitando molto più spesso i siti internet dedicati alla F1” – ha aggiunto –  “Sono un grande fan del nostro sport e continuerò a seguirlo con interesse, anzi l’intenzione è quella di recarmi ad almeno cinque/sei corse”.

La Formula E? Per il momento, no grazie

Diventato ufficialmente ambasciatore Mercedes, marchio per cui ha gareggiato dal 2010 al 2016, il campione cresciuto a Montecarlo pare almeno per il momento aver rifiutato le lusinghe della Formula E, la nuova categoria al 100% elettrica che nel campionato 2018-2019  vedrà il debutto proprio della Casa di Stoccarda e che ha attratto numerosi ex nomi del Circus come Sebastien Buemi, Jean-Eric Vergne, Lucas Di Grassi, Nick Heidfeld, Jerome D’Ambrosio e Bruno Senna.

“Ad oggi non ci penso anche se è una serie che mi intriga e mi piace guardare” – ha detto – “Dalla sua nascita ha fatto grossi progressi e il successo riscosso finora lo dimostra. E’  di certo qualcosa di molto diverso da ciò a cui siamo abituati. Credo avrà un buon futuro”.

Ricevuto il messaggio il patron Alejandro Agag ha comunque rinnovato l’invito tramite Autosport. “Sarebbe bello averlo in griglia. Dovesse cambiare idea e aver voglia di correre la nostra porta resta aperta” – le parole del dirigente iberico.

Chiara Rainis