MotoGP, Casey Stoner: “Non posso aiutare Lorenzo”

Casey Stoner a Sepang
Casey Stoner a Sepang (©Getty Images)

Nonostante abbia annunciato il suo ritiro nel 2012 Casey Stoner continua ad essere protagonista. Segna il miglior crono nella prima giornata di Test MotoGP a Sepang e sarà nuovamente in pista domani. Il collaudatore australiano si sta dimostrando un vero trascinatore per il team Ducati, alla ricerca del giusto set-up in vista della stagione 2017.

Essere primo regala sempre una bella sensazione. “E’ stato interessante. Certo, ho avuto un certo vantaggio perché giovedì scorso ho compiuto un paio di giri qui. Ma ho fatto appena 20 giri, poi è arrivata la pioggia, non siamo riusciti a raccogliere molti dati. Lunedì era quindi prezioso per noi, abbiamo fatto un sacco di prove prima che alle ore 16 arrivasse la pioggia”.

La Ducati Desmosedici è alla ricerca di nuove soluzioni aerodinamiche dopo l’addio alle alette. “Abbiamo ancora bisogno di trovare un migliore equilibrio con la moto. Le alette avevano prodotto benefici al carico aerodinamico – ha sottolineato Casey Stoner -. Abbiamo trovato cose positive e negative. Ma abbiamo bisogno di più tempo per ottimizzare il set-up, senza ali, su cui abbiamo lavorato per due anni”.

A Jorge Lorenzo serve tempo

La moto ha un carattere diverso soprattutto in curva e sarà necessario lavorare sulle sospensioni per cercare il giusto assetto. La GP17 avrà anche un nuovo telaio, anche se abbastanza simile a quello montato nella seconda metà della stagione 2016. Giro dopo giro si cerca di fornire a Jorge Lorenzo una Ducati al meglio delle possibilità in vista della prima gara in Qatar. “Non so se posso aiutarlo. Ha guidato nove anni con lo stesso produttore, ad eccezione di Dani Pedrosa nessun driver è rimasto con la stessa squadra per tanto tempo. Ci sarà bisogno di tempo prima che Jorge si abitui a questa moto. I due marchi sono molto differenti”.

Da qui all’inizio del campionato ci sono due mesi, fondamentali per decidere quale direzione dare alla prossima stagione. “Deve cercare di scoprire ciò che gli piace e cosa no. Ci vorrà del tempo fino a quando non troverà la giusta direzione – ha anticipato Casey Stoner -. Ma abbiamo ancora margine di tempo sufficiente fino all’inizio della stagione. Jorge e il suo capo equipaggio Cristian Gabarrini devono cooperare bene con la squadra. Allora potrà trovare il successo”.